Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, difesa a pezzi: Oliveira gioca subito

Difesa da reinventare per Mourinho

Non cala mai l’emergenza alla Roma tra squalifiche e casi di positività al Covid-19. Domenica contro il Cagliari, che ha iniziato il 2022 con due vittorie in due partite, mentre i giallorossi hanno conquistato 0 punti su 6, Mourinho sarà costretto di nuovo a inventarsi una formazione. Cristante e Ibanez sono squalificati, Karsdorp e Smalling non si stanno allenando e non saranno a disposizione.

La società continua a non comunicare i nomi dei positivi al Covid ma ha ufficializzato che sono due, il primo vaccinato e il secondo no. Si va così verso la conferma della difesa a 4, composta da Maitland–Niles (oggi la presentazione), Mancini, Kumbulla e Vina. Alternative non ce ne sono. Il rientro di Zaniolo offre un’alternativa in più nel tridente di trequartisti alle spalle di Abraham.

Il nuovo arrivato Sergio Oliveira – come per altro già successo con Abraham e Maitland-Niles – sarà mandato in campo immediatamente: giocherà in coppia con Veretout a centrocampo. Il portoghese è sbarcato ieri mattina a Ciampino: ha scelto la maglia numero 27, che portava già al Porto, guadagnerà squadra dell’anno di Champions League che raccoglie i 23 migliori giocatori della competizione.

Non ha la fisicità di Xhaka, che a inizio stagione era la prima scelta di Mourinho e che potrebbe tornare di moda quest’estate, ma garantisce un buon filtro davanti alla difesa. È un ottimo tiratore di punizioni e calci di rigore, particolare che renderà felice Mourinho, soprattutto dopo gli errori dal dischetto di Veretout e Pellegrini. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa