Resta in contatto

Rassegna Stampa

I Friedkin hanno speso quasi 535 milioni in 18 mesi giallorossi

L’impegno dei Friedkin nella Roma sempre più tangibile

Oltre mezzo miliardo di euro. Più esattamente 534,8 milioni di euro, compresi i 25,8 versati pochi giorni fa. A tanto ammonta l’investimento dei Friedkin nella Roma dall’agosto del 2020, quando la famiglia texana decise di acquistare il club giallorosso dalla precedente gestione, quella che faceva capo a James Pallotta.

Un’enormità, considerando che l’investimento iniziale per acquistare la Roma è stato di 199 milioni, a cui aggiungere i 335,8 “iniettati” nelle casse del club a più riprese per le esigenze del “working capital” del gruppo. Ecco anche perché la gestione attuale deve convivere con una crisi di liquidità per quanto riguarda le vicende di mercato: a gennaio sono stati spesi 2 milioni per gli arrivi di Maitland–Niles e Sergio Oliveira, coperti dai 2 della cessione di Ciervo al Sassuolo.

Considerando che il primo finanziamento soci è datato proprio agosto 2020, in questi 18 mesi di proprietà la famiglia Friedkin ha versato una media di 18,7 milioni di euro al mese. Solo per la gestione corrente, per tenere in vita il club. Il versamento più cospicuo c’è stato nello scorso mese di agosto, con 60 milioni, ma anche a dicembre del 2020 i milioni messi a disposizione della società furono ben 40. E in questa stagione le iniezioni di denaro fresco non si sono mai fermate: 25 milioni a settembre, 10.9 ad ottobre, dieci a novembre, 15,8 a dicembre e infine 25,8 a gennaio.

Ecco spiegato anche il motivo per cui la Roma può anche pensare di vendere qualche gioiellino di casa, perché la macchina brucia denaro senza fine per continuare ad andare, anche a causa di introiti che si sono notevolmente contratti sia a causa della pandemia, sia per la mancanza della Champions League (dove la Roma manca oramai dalla stagione 2018-19).

Del resto, la situazione dei conti giallorossi non è florida e non fa intravedere una inversione di tendenza. L’Indebitamento finanziario netto adjusted del club al 31 dicembre 2021 è di 322 milioni (Al 30 giugno era di 311,7 milioni, con un incremento di 10,3 milioni dovuto alle minori disponibilità liquide e all’incremento dei finanziamenti con le società del gruppo). Il che, appunto, fa pensare che da qui a giugno i Friedkin dovranno mettere ancora tanti soldi per tenere viva l’attività corrente. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa