Resta in contatto

Rassegna Stampa

Zaniolo, caso chiuso. Un sorriso per Mou: “Nicolò resta qui”

A breve l’incontro per parlare del rinnovo del talento giallorosso

Tanto rumore per nulla. Ecco il naturale epilogo della vicenda Zaniolo, nata sorprendentemente dalla trasparente ed onesta risposta di Tiago Pinto sul futuro del talento giallorosso. Mentre i rumors di mercato continuano a soffiare forte in direzione Torino, con la Juventus (squadra di cui Zaniolo era tifoso da bambino) pronta ad approfittarne, la realtà dei fatti racconta ben altro. Non esiste frattura o volontà di separarsi: Roma e Zaniolo continuano a ragionare sulla stessa lunghezza d’onda. Con sfumature che certamente contano e spostano.

Da una parte le tre anime del club (Friedkin, Tiago Pinto e Mourinho) si sono dati tre anni di tempo per costruire una squadra vincente. Per farlo serviranno risposte inequivocabili dal campo ed è chiaro che le prime valutazioni verranno fatte sulla rosa attuale, motivo per il quale alcuni rinnovi sono stati messi in stand-by. E qui veniamo a Zaniolo.

Con la ferma convinzione che il progetto possa prescindere dai singoli, segnali inequivocabili che a Trigoria non si voglia puntare in futuro sul numero 22 non sono mai arrivati, tutt’altro. Un incontro con l’agente Vigorelli è in programma proprio nel mese di febbraio: non ci sarà bisogno di chiarire nessun malinteso, insieme a lui si continuerà a lavorare con equilibrio e serenità al futuro del ragazzo, che rimane un patrimonio indiscutibile della Roma. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa