Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma, Mou stecca con le big: l’ultima vittoria è di 14 mesi fa

Oltre a far perdere alla Roma il primo obiettivo stagionale, la Coppa Italia, ha messo in luce ancora una volta le grandi difficoltà della formazione giallorossa

Oltre a far perdere alla Roma il primo obiettivo stagionale, la Coppa Italia, la sconfitta di San Siro contro l’Inter ha messo in luce ancora una volta le grandi difficoltà della formazione giallorossa contro le big. Tra campionato e coppa, infatti, la Roma ha perso tutte e 6 le partite disputate contro Milan (1-2 e 1-3), Inter (0-3 e 0-2) e Juventus (0-1 e 3-4).

Se la Roma di Fonseca soffriva con le grandi, insomma, quella di Mourinho non è meglio. Anzi, restringendo il discorso solamente allo Special One, si può vedere come il suo score contro le big sia negli ultimi tempi deficitario: l’ultimo successo contro una grande, infatti, risale a poco più di 14 mesi fa. Il 6 dicembre del 2020, infatti, con il Tottenham superò 2-0 (in gol Son e Kane) l’Arsenal, poi si è spenta la luce e sono arrivate la doppia sconfitta con il Liverpool (1-2 e 1-3), col Chelsea (0-1), col City (0-3), in casa dell’Arsenal (1-2), e col Manchester United (1-3).

In totale, in Premier League, 6 sconfitte in altrettante partite. In Italia contro le squadre considerate “grandi” sono arrivati un pareggio (col Napoli) e le 6 sconfitte contro le milanesi e la Juventus, a a cui va aggiunta la sconfitta nel derby. In totale da quel 2-0 all’Arsenal, il tecnico portoghese ha ottenuto un punto in 13 partite contro le grandi, 14 se si considera anche la Lazio. L’unica soddisfazione in questa stagione è arrivata a Bergamo contro l’Atalanta, scivolata al quinto posto con una gara da recuperare.

Il Corriere della Sera 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa