Resta in contatto

Le pagelle di Siamolaroma

PAGELLE – Roma-Vitesse 1-1: Abraham & Sofferenza

La Roma pareggia e passa ai quarti di finale

RUI PATRICIO  6

Impegnato solo con i piedi, nei tanti retropassaggi dei suoi compagni. Sul gol di Wittek non può far nulla.

IBANEZ  5,5

Generoso ma anche impreciso.

SMALLING  6,5

Il migliore in campo, una calamita di palloni. Dalle sue parti non si passa

KUMBULLA  6,5

L’albanese in un momento di forma importante, lo conferma anche stasera.

MAITLAND NILES  5

L’inglese parte bene, finisce in calo. Sostituito dopo il gol del vantaggio olandese.

PELLEGRINI  5,5

Girovaga per il campo alla ricerca della posizione. Punizioni, tentativi di giocata. Partita non straordinaria, ma il capitano c’è e lotta.

VERETOUT  5

Pochi strappi e poche intuizioni. Opaco.

MKHITARYAN  5

L’armeno tocca un migliaio di palloni, ma ne sbaglia tantissimi. Si divora un’occasione da gol incredibile per il suo livello tecnico.

VINA  5

Corre, lotta ma con i piedi un disastro.

ABRAHAM  7

Raggiunge Montella e Batistuta con 21 gol alla sua prima stagione in giallorosso. La sua zuccata vale i quarti di finale.

Zaniolo

ZANIOLO  4,5

Corre, sprinta e cerca di fare pressing. Ma con il pallone tra i piedi quasi non si vede.

EL SHAARAWY 6,5

Entra nel secondo tempo con il giusto piglio. Dribbling, serpentine e il cross dal quale nasce l’azione del gol.

FELIX  6

Rispetto a Zaniolo, fa vedere che ha voglia. Qualche buona giocata nel finale si gara.

KARSDORP 6,5

Chiunque avrebbe tirato da quella posizione, lui mette il pallone del passaggio del turno sulla testa di Abraham.

BOVE  SV

Entra nei minuti di recupero.

MOURINHO  6

Missione compiuta, ma la gara della sua Roma è davvero bruttina. Ma oggi contava il risultato più di altre volte.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamolaroma