Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 26 marzo 1904: nasce Attilio Ferraris IV, primo capitano della Roma

117 anni fa la nascita del centrocampista membro della Hall of Fame giallorossa

Il 26 marzo del 1904 nacque a Roma Attilio Ferraris IV. Il padre Secondo era di origine piemontesi e, quando Attilio era ancora minorenne, la Juventus lo voleva nelle sue fila. La risposta del genitore, però, fu ferma: “Mio figlio non è in vendita“. Iniziò la carriera nella Fortitudo, poi, nel 1927, in seguito alla fusione di questa con l’Alba Audace e il Roman, nacque l’AS Roma e Ferraris ne divenne il primo capitano. Il mediano fu un calciatore dalla forte cattiveria agonistica, ma comunque molto corretto. Era, inoltre, amatissimo dai tifosi romanisti. Con la maglia giallorossa disputò 198 partite, fu un pilastro della Roma di Campo Testaccio (celebre la strofa della canzone, “Poi ce sta Ferraris a mediano, bravo, nazionale e capitano”), costituendo insieme a Fulvio Bernardini una coppia indimenticabile. I due erano molto amici e celebri furono le parole con cui Ferraris consegnò al compagno la fascia di capitano: “A Fu’ tu sei er mejo: er capitano fallo tu“, a testimonianza della sua grande correttezza e del suo essere romano e romanista.

Ferraris aveva fuori dal campo un carattere poco incline alla disciplina: era un accanito fumatore, gli piacevano le donne, scommettere, giocare a biliardo e a carte fino all’alba. Era solito, inoltre, quando perdeva soldi con il gioco, chiedere al presidente stipendi anticipati. Nel 1934, a 30 anni, fu messo fuori rosa in seguito all’ennesimo allenamento saltato. Per molti quella sarebbe dovuta essere la fine di Ferraris che, però, fu risollevato dal CT dell’Italia Pozzo che, oltre ad avergli strappato la promessa di smettere di fumare, lo fece preparare per i mondiali casalinghi di quell’anno, poi vinti dagli azzurri. Dopo il mondiale, Ferraris passò alla Lazio, con la quale trascorse due anni, dal 1934 al 1936, e tornò in giallorosso nel 1938, dopo una parentesi biennale al Bari.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord