Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 9 aprile 2001: Chiesa piega la Roma capolista nell’anno dello Scudetto (VIDEO)

Partita gagliarda dei viola che alla fine si impongono per 3-1

E’ il 9 aprile del 2001, in soli novanta minuti la Fiorentina riesce a tornare al successo dopo 10 giornate, a fermare la capolista Roma vincendo 3 a 1, a riaprire il campionato con la Juve di nuovo a sei lunghezze dalla vetta. I viola trovano i tre punti grazie ad una partita giocata con il cuore, con la rabbia e con la potenza fisica.

Alla Roma mancano il gol dell’ex amato-odiato Batistuta, le magie di Totti o i gol di Montella, che non riesce a salvare la patria giallorossa. Ad esultare tra i cannonieri è Chiesa, che trova una doppietta pesante e importante e con lui esulta Mancini al suo primo acuto da allenatore. I giallorossi vanno in svantaggio al 12′ grazie al gol di Enrico Chiesa e i viola pongono il muro davanti alla porta di Toldo. Quando inizia a sembrare insuperabile però il muro viola cade di schianto, senza nessun tremore ad avvisare il rischio. Al 30′ calcio d’angolo sul quale si tuffa Emerson che porta la Roma sull’1-1 al fine primo tempo.

Il secondo tempo inizia con l’autogol di Vincent Candela: è il 12′ è il 2 a 1 che accende il pomeriggio. Capello toglie Delvecchio e butta dentro Montella, il ritmo si alza improvvisamente. La Roma attacca, ma rimbalza. Attacca, si innervosisce e presto si disunisce. Tanto da subire al 33′ del secondo tempo il 3-1, siglato da Enrico Chiesa, che chiude il match e riapre il campionato.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord