Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zola: “La Roma è cresciuta e vanno fatti i complimenti a Mourinho, anche per la Conference League”

Le parole dell’ex attaccante sulla sfida del Maradona di domani

Gianfranco Zola ha rilasciato un’intervista a Il Messaggero, parlando di Napoli-Roma, sfida in programma domani. Queste le sue parole:

Il Napoli non può commettere altri passi falsi

Sono rimasto sorpreso dalla sconfitta contro la Fiorentina. Ora la situazione si è complicata, anche se resta in lotta per lo scudetto.

La Roma giocherà dopo il 4-0 al Bodo. Partite che lasciano il segno

E’ vero e l’ho sperimentato nella stagione di Europa League al Chelsea con Sarri, ma stavolta si scende in ampo lunedì e ci sarà un giorno in più per recuperare.

La Roma nelle ultime 11 giornate ha raccolto 25 punti

Avevo visto i giallorossi a inizio stagione e non mi avevano convinto. La squadra è cresciuta e bisogna fare i complimenti a Mourinho perchè è riuscito a calarsi in un contesto nuovo, imponendo idee e personalità.

Sta lanciando giovani interessanti. Un nome su tutti Zalewski

Anche sotto questo aspetto va elogiato il lavoro di José. Era storicamente abituato a guidare squadre pronte a lottare per grandi traguardi. A Roma sta invece gestendo un progetto diverso. Zalewski è bravo.

Roma in semifinale di Conference

I grandi allenatore si comportano come José. Giocano per vincere anche i trofei meno importanti. La Conference League è una competizione europea e merita rispetto: bravo Mourinho. Una lezione per tutti.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa