Resta in contatto

Le pagelle di Siamolaroma

PAGELLE – Inter-Roma 3-1: nella testa il Leicester, nelle gambe poco cinismo

La Roma esce sconfitta da San Siro

RUI PATRICIO  6

Serata amara per il portoghese, tre gol in una gara dove in realtà la Roma soffre poco.

Trigoria

MANCINI  5,5

Ha la palla per cambiare la partita e portare in vantaggio la Roma. Ma il suo colpo di testa va fuori.

SMALLING  5,5

Sale in ritardo sul lancio di Calhanoglu per Dumfries che spacca la gara. Sbaglia molto poco per il resto della gara.

IBANEZ  6

Non ha un cliente facile, fa il suo senza grosse sbavature.

KARSDORP  6

Incute timore a Perisic, gioca tanti palloni e fa un velo (per Mkhitaryan) che vale un gol.

MKHITARYAN 6,5

L’armeno gioca in mediana, il più brillante dei suoi. Trova il gol della bandiera.

SERGIO OLIVEIRA  5

Lento, macchinoso, poco brillante. Male.

ZALEWSKI  5,5

Davanti a lui “un animale” come Dumfries. Si soffre tanto dalla sua parte.

EL SHAARAWY  4,5

Il Faraone non ne azzecca una e si conferma un giocatore da inserire a gara in corso, difficile vederlo protagonista dal primo minuto.

PELLEGRINI  6

Il capitano nel primo tempo sembra l’unico ad avere una testa diversa. Ci prova su ogni pallone.

ABRAHAM  6

Poco servito nel primo tempo, nel secondo tempo anche sfortunato. Ma quando tocca il pallone fa vedere cose di qualità pura.

VERETOUT 5,5

Il francese prova a dare più corsa al centrocampo giallorosso.

CARLES PEREZ  5,5

Qualche sprazzo e tentativo di giocata, ma sul più bello si perde sempre, alla ricerca di un tocco di troppo.

SHOMURODOV 6

Entra nel finale con la testa giusta. L’assist per Mkhitaryan è il suo.

VINA SV

Entra nel finale.

BOVE  SV

Pochi minuti finali ma qualche buona giocata.

MOURINHO  6

La sua Roma non perdeva da oltre 100 giorni. Ha trovato davanti una squadra più forte, ora la testa al Leicester.

 

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamolaroma