Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Totti: “All’Olimpico perchè sono tifoso. Zaniolo deve crescere tranquillo. Mourinho non si discute”

L’ex capitano giallorosso Francesco Totti si è espresso sull’attuale periodo della Roma: le sue parole anche in merito ad un suo possibile ritorno…

Francesco Totti, storico ex capitano della Roma, ha rilasciato qualche dichiarazione ai cronisti presenti durante l’evento “Notte delle finali”, organizzato dalla Lega Calcio a 8. Ecco le sue parole:

Che emozione è tornare a casa?

“Mica è casa mia questa…(ride, ndr). A scuola, ci passavo dai…”

Quando torni all’Olimpico c’è un’ovazione ogni volta

“Sono emozioni uniche ed è qualcosa che nessuno può togliere. Quando vedi tanta gente passionale fa sempre piacere”.

Ormai sei all’Olimpico sempre, il ritorno è vicino?

“Sono all’Olimpico perché sono tifoso della Roma, nient’altro”.

“E’ probabile ma non sicuro” ha detto Malagò…

“Sì? E’ tanto che non lo sento… può darsi pure che vado a Leicester”.

La Roma arriverà in finale di Conference secondo te?

“Ormai ci siamo, manca un passo. Speriamo di centrare questo obiettivo”.

Mourinho è l’allenatore giusto?

“Vuoi discutere Mourinho? (ridendo, ndr)”.

Lo scudetto chi lo vince?

“Per me l’Inter”.

Un consiglio a Zaniolo?

“Zaniolo deve crescere, con tranquillità e serenità come ho sempre detto. Poi le cose vengono da sole”.

Pellegrini?

“Ho sempre detto che era il capitano del futuro, perciò sono contento che si sia ripreso la piazza in mano e tanta gente abbia capito che ragazzo è. Già che sia un ragazzo puro e vero è importante”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News