Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, cogli l’attimo: stasera il Bologna, giovedì il Leicester

I giallorossi si giocano il futuro nelle due gare all’Olimpico

Non ci voleva. Perché non lo ammetterà nemmeno questa sera al fischio finale, ma di questa partita contro il Bologna Mourinho ne avrebbe fatto volentieri a meno. Non per la gente – sempre più in simbiosi con lui, la squadra e i Friedkin (che ad aprile hanno immesso altri 10 milioni nel club) pronta anche oggi a riempire l’Olimpico con il solito carico di gioia ed entusiasmo. Ma per una rosa stanca, che ieri ha registrato l’ufficialità dello stop di Mkhitaryan (lesione di primo grado al flessore della coscia destra). José si ritrova così a dover pensare a due gare fondamentali in pochi giorni. Tre mettendoci dentro anche la trasferta di lunedì 9 a Firenze. Ed è il primo a sapere che ora non si può sbagliare. Continua a ripetere ai suoi di pensare ad una partita alla volta ma anche per lui è difficile. Se non impossibile. Ha il polso del gruppo, lo vede stanco. E come ha ricordato giovedì sera, quella contro il Leicester è «una finale anticipata». Le finali, però, si giocano sempre con gli uomini al meglio.

Non è il caso della Roma che contro il Bologna disputerà la gara numero 50 in stagione. Dovrà farlo senza il professore armeno, con Oliveira squalificato e l’esigenza, sempre più impellente, di dover far rifiatare almeno 4-5 elementi della rosa. Uno in difesa, Smalling, uscito malconcio dalla battaglia al King Power Stadium per un brutto colpo al naso. Ma oggi a partire dalla panchina saranno anche gli esterni. Sia Karsdorp (apparso in difficoltà e in debito d’ossigeno) che Zalewski lasceranno spazio a Maitland-Niles (che non gioca titolare dal 17 marzo, contro il Vitesse) e El Shaarawy. In mediana, vicino a Cristante, dovrebbe giostrare Veretout. Il condizionale è d’obbligo viste le ultime prestazioni del francese. Bove spera in una chance.

Davanti Pellegrini sarà chiamato agli straordinari ma vicino non avrà Zaniolo. Il ballottaggio è tra Felix e Perez. E per la prima volta in stagione, non ci sono certezze nemmeno nel ruolo di centravanti. Abraham, anche a Leicester, è apparso in affanno. In campionato non segna da una quarantina di giorni, dalla doppietta nel derby. Se non ci fosse stato il gol nella partita di ritorno contro il Bodø, si parlerebbe di crisi. E invece ora ci si limita giustamente a flessione. Ma Roma-Bologna potrebbe trasformarsi in una partita speciale soprattutto per Spinazzola. In Inghilterra, il laterale si è alzato dalla panchina ma poi non è entrato. Oggi potrebbe riuscirci. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa