Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Schmeichel: “Roma pericolosa, ben organizzata e ben allenata”

Le parole del portiere del Leicester: “Non mi aspetterai niente di meno da una squadra di Mourinho”

Kasper Schmeichel ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Leicester. Di seguito le dichiarazioni del portiere delle Foxes.

Rodgers ha detto che non conosceva la Conference League.
“Quando sei in una competizione il tuo unico pensiero è su quella competizione, come sta succedendo ora. Vinceremo in qualsiasi competizione, non c’è differenza”.

Il Leicester non si qualificherà in Europa né tramite FA Cup né Premier League. Come lo farà?
“Non è scontato. È un trofeo europeo, ogni trofeo lo è, ogni competizione che puoi vincere è importante. Non gioco a calcio per arrivare quarto, quinto o sesto. Questi sono quei momenti che i tifosi ed i giocatori penseranno una volta che ci si è ritirati”.

Sull’esperienza in semifinali e finali.
“Non so come è possibile migliorare in fretta. Non so se sia possibile. Credo che venga immagazzinato nel nostro percorso, nella nostra esperienza. Questa è una grande esperienza per tanti giocatori, sono quei momenti a cui potrai pensare quando ne hai bisogno. Tutto contribuisce alla mentalità vincente che costruisci e noi vogliamo costruirne una vincente. Essere in queste situazioni ed arrivare in finale è una possibilità”.

Sulla Roma.
“Sono molto organizzati e ben allenati, non mi aspetterai niente di meno da una squadra di Mourinho. Sono un avversario pericoloso, hanno dimostrato di poter essere cinici. Hanno giocato come volevano. Probabilmente sono stati contenti del sorteggio visto che il passaggio del turno si decide nel loro stadio. Sono una squadra organizzata che sa essere pericolosa. Ad essere onesti siamo maggiormente concentrati su di noi”.

Hai mai giocato all’Olimpico?
“No. È sempre una grande esperienza giocare in stadi in cui non lo hai mai fatto. È uno stadio iconico”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario