Resta in contatto

Rassegna Stampa

Shomurodov insidia Tammy. C’è l’Inter su Mkhitaryan

L’uzbeko potrebbe partire dal 1′ stasera. L’Inter punta Micki

Lo ha spiegato bene al Media day di mercoledì: “Ho due finali e non ho una situazione facile da gestire“. Mourinho fa i conti con una rosa stanca e per la gara di questa sera è costretto a fare delle scelte. Recuperati in extremis Karsdorp, Smalling e Zaniolo che sono partiti con la squadra, appare difficile che i tre possano giocare. Josè pensa così alla conferma di Spinazzola (spostato a destra), rilanciando il terzetto difensivo Kumbulla-Mancini-Ibanez.

Stavolta in mediana dovrebbe rifiatare Cristante con Oliveira a far coppia con Veretout. In avanti spazio a Pellegrini e Perez dietro il terminale offensivo. E qui c’è il grande dubbio della vigilia. Perché Abraham nelle ultime uscite è apparso visibilmente stanco viste le 51 gare disputate delle 53 stagionali. Shomurodov contro il Venezia, oltre al gol, è apparso in buone condizioni. Nulla da fare per Mkhitaryan, l’armeno lavora per Triana. Nonostante il pessimismo palesato da Josè, il recupero non appare una chimera.

Continua intanto a tener banco la vicenda contrattuale dell’ex Arsenal, in scadenza a giugno. Le parti, prima della prematura scomparsa dell’agente Mino Raiola, stavano trattando il rinnovo. Miky chiede quanto ha percepito questa stagione (4 milioni più 2 alla firma) mentre il gm Tiago Pinto sta cercando di spalmare la richiesta su un biennale, abbassando leggermente le cifre. Empasse nel quale si è fondata l’Inter. Inzaghi ha chiesto due centrocampisti per la prossima stagione e il giallorosso a parametro zero è un’occasione ghiotta da non lasciarsi sfuggire. L’ad Marotta ha così preso contatti con Enzo Raiola. Il club nerazzurro può accontentare le richieste di Mkhitaryan e garantirgli il palcoscenico della Champions. Tocca alla Roma rispondere. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa