Resta in contatto

Rassegna Stampa

Abraham, un ciclone in Europa: con una doppietta liquida il Torino

Strepitoso Tammy Abraham. Il centravanti che fa innamorare una città

Abraham porta la Roma in Europa e ora le dovrà regalare la Conference. Perché questo si può/deve chiedere a uno che al primo anno in Italia segna 27 gol. Il risveglio del 9 arriva al momento giusto: Tammy non andava in rete in campionato dal derby e per uno come lui è un’agonia, visto che quando non segna – dice – non dorme la notte.

Questa è stata, invece, una notte dolce per lui e per la Roma (da capire solo se arriverà quinta o sesta), in attesa dell’altra, tra cinque giorni. A Torino i giallorossi ne fanno tre, e potevano essere cinque: ai due di Tammy si aggiunge la rete di Pellegrini. E proprio come nel 2017, è stato Ivan Juric il trampolino della Roma per l’Europa.

Con il Genoa, però, ha rischiato di far saltare il banco (la Champions) proprio nell’ultima giornata alla squadra di Luciano Spalletti (partita di addio di Francesco Totti, non una giornata banale), e stavolta aveva la stessa possibilità con il Toro, ma la sua avversaria ambiva nell’occasione solo all’Europa League.

Alla Roma andò bene all’epoca, è va benissimo stavolta, dopo che il traguardo sembrava essersi volatilizzato con gli ultimi risultati anemici, sconfitta a Firenze e pari in casa con Bologna e Venezia. La Roma, a Torino, tira fuori l’ultimo guizzo, massimo risultato e sforzo al minimo. Oltre all’obiettivo di classifica, viene centrato pure quello psicofisico: la squadra non ha dovuto faticare molto e ora ha la mente libera per l’appuntamento finale. Quello che innamora una città.

Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa