Resta in contatto

Rassegna Stampa

Manolas: “Saremmo arrivati in finale anche in Champions con il Var. La Roma in cui giocavo avrebbe vinto questo campionato”

Le parole dell’ex difensore giallorosso

C’è stato un momento che ha cambiato tutto. La storia europea della Roma, la sua percezione nel mondo del calcio continentale. Roma-Barcellona 3-0, il colpo di testa di Kostas Manolas, i romanisti in estasi e la semifinale di Champions.

Manolas, cosa ha significato quel suo gol al Barça?
Ha cambiato l’immagine della Roma nel mondo.

C’è chi pensa che senza quella notte adesso la Roma non avrebbe la dimensione per giocare una finale europea.
Sì, è stato importante. Non solo perché è stato il 3-0, quello della qualificazione a una semifinale di Champions. Ma perché tutto il mondo ha capito che la Roma è una grande squadra. Prima la Roma aveva un’altra immagine in Europa, un’altra storia.

Stavolta però è andata oltre, arrivando fino in fondo.
Ma anche noi saremmo arrivati in fondo in quella Champions, se ci fosse stato il Var. Non ci diedero un rigore su Dzeko per un fuorigioco che non c’era. Non videro un fallo di mano di Alexander-Arnold che sarebbe stato rigore ed espulsione. Ci sarebbe bastato un gol per superare il Liverpool.

Quella Roma spesso arrivava seconda ma viveva in un clima a volte ostile. Adesso all’Olimpico c’è il pienone. Le fa effetto?
Sì, mi fa effetto, in questo campionato la Roma non ha fatto una grande stagione. Ma una finale è una finale: e arrivarci fa tutta la differenza, non è mai facile.

Vincerla può cambiare la storia del club?
Magari non sarà la Champions. Ma quanto tempo è che la Roma non vince un trofeo? Questo dice molto. Io sarò con la Roma col tutto il cuore, i tifosi lo meritano tanto.

Perché ai suoi tempi non sono arrivati trofei?
La Roma in cui giocavo io quest’anno avrebbe vinto il campionato con dieci punti di vantaggio. L’anno in cui ne facemmo 87 con Spalletti ci credevamo. Poi ci è mancato Salah per due o tre mesi, abbiamo sbagliato un paio di partite. Facemmo il record di punti, ma la Juve di quegli anni sfiorava quota 100.

Sicuro non c’entri anche una pressione differente?
La pressione si sente, tanto. I tifosi amano fortemente la squadra, c’è un pubblico meraviglioso, io lì ho passato 5 anni incredibili.

Ha ancora amici a Roma?
Tantissimi. Per me Totti è un fratello, come De Rossi: dal primo giorno mi hanno accolto benissimo, mi hanno fatto crescere accanto a loro.

Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa