Resta in contatto

Prima Squadra

Pellegrini: “Non avrei mai pensato di alzare un trofeo da capitano della Roma”

Le parole del capitano giallorosso: “Questo è stato un lungo percorso, sono partito con questa maglia all’età di 8 anni”

Lorenzo Pellegrini ha parlato a Uefa.tv dopo la conquista della Conference League. Di seguito le dichiarazioni del capitano giallorosso.

La tieni stretta questa coppa. Le prime cose che ti vengono in mente?
“Tante. Questo è stato un lungo percorso, sono partito con questa maglia all’età di 8 anni e mai avrei pensato a 25 di riuscire a diventare uno dei capitani che hanno alzato un trofeo europeo. Una doppia soddisfazione, ma soprattutto perché il gruppo se lo merita tento. Sembra scontato dirlo, ma è sempre unito. Nonostante abbia preso qualche sberla quest’anno, ha avuto la forza di rialzarsi sempre. Quello che ho detto hai miei compagni prima della partita è che, da capitano, sono fiero di tutti loro.

Questa è anche per la gente. 
“Sì, i nostri tifosi sono stati incredibili e questo è anche per loro. Non ci hanno mai lasciati soli, le uniche volte in cui non hanno riempito l’Olimpico sono state per il protocollo COVID-19. Da quando lo stadio è aperto, sono stati incredibili. Nello spogliatoio ne abbiamo parlato di come i tifosi ci hanno fatto sentire dei campioni e questa è per loro. Per fargli rendere quanto ci hanno dato. Voglio dire una cosa: vincere questo trofeo non era per niente scontato perché nel percorso si incontrano tante difficoltà, una squadra vera riesce a superarle e a diventare più forte”.

Mourinho vi ha già detto qualcosa?
“No, abbiamo solo festeggiato. Sicuramente il mister ci vorrà parlare. Nello spogliatoio ho raccontato hai ragazzi che, durante la conferenza stampa, mi è stato chiesto cosa avrei detto nel prepartita. Gli ho detto la verità, mi sono sentito di dirgli grazie ed essere il loro capitano mi rende solo più orgoglioso”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra