Resta in contatto

News

Rossi (ct Ungheria): “Pellegrini fortissimo. Zaniolo deve restare alla Roma”

Marco Rossi, commissario tecnico dell’Ungheria, ha parlato di alcune individualità dei giallorossi: le sue parole

Il ct dell’Ungheria Marco Rossi, ai microfoni di Centro Suono Sport, si è espresso su alcune individualità giallorosse dopo il match di Nations League contro gli azzurri:

Spinazzola

“Spinazzola è rientrato dopo un anno però se sta bene è uno dei migliori esterni sinistri al mondo. L’ho visto benissimo, nel primo tempo ha fatto una gran partita. Poi è calato ma è logico, viene da una stagione in cui non ha giocato. È un calciatore che ha tutto, ha attaccato la profondità e ha fatto una grande giocata. Sul primo gol abbiamo pagato la differenza di velocità”.

Pellegrini può diventare un top player?

“L’Italia ha tanti giocatori fortissimi e Pellegrini è uno di quelli. Ha la giusta personalità per diventare un leader. È difficile trovare difetti, può ancora crescere e ha l’opportunità di lavorare con Mourinho”.

In cosa deve migliorare?

“Forse la continuità di prestazioni e di risultati. La Roma ha alternato grandi partite ad alcuni passi indietro. La maniera nella quale questo potrà essere raggiunto la sa solo Mourinho”.

Cristante?

“Ha fatto una partita di sostanza, non è stato molto appariscente però è stato importante per gli equilibri della squadra”.

Qual è la cifra giusta per vendere Zaniolo?

“Me ne intendo poco di cifre. È un giocatore di talento e deve restare a Roma. È giovane e può migliorare. O va in club che costituisce un passo in avanti nella sua carriera come il Real Madrid. Tante squadre meglio della Roma non ne vedo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News