Resta in contatto

Rassegna Stampa

Cinque gol al Trastevere. Caso Zaniolo, sorpresa Calafiori

Zaniolo resta fuori, prime prove tattiche per Mourinho

La Roma riparte dal Trastevere e lo fa senza Zaniolo. In una Trigoria blindatissima, dove informazioni e immagini sono uscite con il contagocce, la squadra di José Mourinho è scesa in campo per la prima sgambata stagionale contro il club  del presidente Betturri. Un sonoro 5-0 ha certificato la goleada giallorossa: a segno Smalling, El Shaarawy, Shomurodov (ha sbagliato un rigore) e doppietta di Volpato nel finale. Ma a tenere banco a Trigoria è stata la vicenda legata a Zaniolo: una lombalgia lo ha tenuto a riposo, versione che però è stata smentita dall’entourage che non era a conoscenza di problematiche fisiche.

La sfida con il Trastevere è stata la prima occasione per vedere in azione tra i pali il neo acquisto Svilar e all’opera Matic nella mediana giallorossa. Lo Special One ha alternato il 4-2-3-1 al 3-4-2-1 con Veretout, Faticanti, Bove e Zalewski in mediana. In attacco Carles Perez, El Shaarawy e Felix. Sorpresa Calafiori, che ha completato il pacchetto arretrato insieme a Smalling e Karsdorp una volta sistemati a tre. Calafiori si sta impegnando al massimo, ha dato la sua totale disponibilità e con il Trastevere ha giocato lì e potrebbe rappresentare il colpo low-cost per la Roma che si ritrova un jolly difensivo. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa