Resta in contatto

Rassegna Stampa

Belotti e un difensore: la Roma non si ferma

Le ultime strategie di mercato in casa Roma

Non si fermano più, non solo quando pilotano gli aerei ma anche quando si tratta di aggiungere giocatori. I Friedkin preparano altri due colpi da presentare a Mourinho e ai tifosi, già estasiati dagli arrivi di Dybala e Wijnaldum. Il primo in ordine cronologico dovrebbe essere il difensore centrale, che Mourinho ha chiesto per cementare il fortino.

In Inghilterra sono sicuri che Eric Bailly sia a un passo dalla Roma, con la formula del prestito oneroso (3 milioni) e un diritto di riscatto libero dal Manchester United. In realtà sembra che gli inglesi non abbiano accettato la proposta di Tiago Pinto. Per prenderlo la Roma dovrebbe aumentare l’offerta. Ma difficilmente lo farà.

E allora occhio alle alternative. Dai due del Tottenham che sono Rodon e Tanganga, allo svincolato Zagadou, fino alle opzioni italiane: una voce (smentita) parla di contatti per Francesco Acerbi, diventato un esubero nella Lazio. Ma è quasi è impossibile, per ragioni ambientali, che possa materializzarsi un trasferimento così clamoroso.
Poi l’attaccante. Tiago Pinto è stato a Londra, dove ha incontrato la proprietà e ha orchestrato la trattativa per vendere Justin Kluivert al Fulham. C’è ottimismo su una conclusione positiva. La sua valutazione è in linea con quella di Jordan Veretout, che ieri è volato a Marsiglia: circa 12 milioni, che potrebbero essere anche spalmati su più anni con la solita formula del prestito e dell’obbligo di riscatto.

A seguire, sotto con Carles Perez al Celta Vigo e Shomurodov al Torino (o al Bologna). A quel punto, la Roma potrà assoldare Andrea Belotti che da un paio di mesi sta aspettando Mourinho ma non può restare fermo per sempre. Svincolatosi il 30 giugno dal Torino, Belotti ha tenuto in sospeso le offerte del Monaco e del Valencia proprio per la Roma, con la quale ha già un accordo per tre anni a tre milioni a stagione. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa