Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le pagelle di Siamo la Roma

PAGELLE – Juventus-Roma 1-1: Tammy scaccia la maledizione Stadium

La Roma acciuffa il pari a Torino con la Juve

RUI PATRICIO  5,5

Immobile sulla punizione di Vlahovic, immobile sul gol (annullato) di Locatelli. Può far meglio.

Trigoria

MANCINI  5,5

Solito grande agonismo e carattere. Rimane nello spogliatoio all’intervallo.

SMALLING  6

Limita un gigante dell’area di rigore come Vlahovic, si conferma una sicurezza.

IBANEZ  6

Reattivo e grintoso, fa il suo in una partita complicata.

KARSDORP  5

“Arrivederci amico” è il sottotitolo alla sostituzione che Mou effettua nel secondo tempo. Prestazione trasparente, per gli altri.

CRISTANTE  5

Fatica a tenere il ritmo, a tener le distanze e perde diversi palloni.

MATIC 6,5

È la media tra un primo tempo in difficoltà (suo il fallo che porta alla punizione vincente di Vlahovic) e il secondo tempo dove prende per mano la squadra.

SPINAZZOLA  5

Tra le più brutte gare della sua esperienza in giallorosso, scotta il pallone tra i piedi e, tranne un affondo, non regala spunti.

PELLEGRINI  6

Angolo pennellato, ma la sua partita non è piena di belle cose come ci ha abituati.

DYBALA 6

Prende diversi falli, gioca per la squadra e tenta di farle prender fiato nel primo tempo. L’assist in acrobazia è un cioccolatino.

ABRAHAM  6,5

Un punto pieno nella valutazione per il gol che porta un pari prezioso alla Roma. Gara dove vede poco il pallone, una grande occasione dove Szczesny ci arriva e il gol che pareggia l’amarezza della rete annullata lo scorso anno.

EL SHAARAWY  6

Vivace, voglioso, riesce a dare soluzioni, strappi e profondità alla squadra nella ripresa.

ZALEWSKI  6

Rispetto allo spento Spinazzola, lui fa vedere di avere più gamba e idee da mettere in campo.

CELIK  6

Bravo a difendere, intelligente nel gestire le ripartenze.

KUMBULLA  SV

Esordio stagionale.

BOVE  SV

Esordio stagionale.

MOURINHO  6

Troppo brutta per essere vera la Roma del primo tempo, di cui lui si è vergognato. Nella ripresa cambia forma alla squadra e acciuffa un punto prezioso.

 

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamo la Roma