Resta in contatto

Rassegna Stampa

Dybala, Abraham e… Ora Mourinho in attacco può davvero divertirsi

Il reparto offensivo giallorosso offre tante soluzioni

Una o due punte, con il trequartista o senza, i tre tenori alle spalle del centravanti. Con l’arrivo di Belotti e la conferma di Shomurodov il reparto offensivo della Roma si è arricchito ulteriormente non solo a livello numerico, ma anche di scelte.

Le soluzioni a disposizione di Mourinho sono davvero tante, considerando che davanti ci sono ben 7 giocatori offensivi: i due centravanti Abraham e Belotti a cui aggiungere poi i vari Dybala, Zaniolo, El Shaarawy, Shomurodov e Pellegrini, con quest’ultimo che balla tra la mediana e l’attacco. Un pacchetto offensivo dove ci sono tante scelte anche intercambiabili, visto e considerato che molti di questi giocatori possono fare il trequartista, ma anche la seconda punta o l’attaccante esterno.

È evidente come il modulo di riferimento sia ancora quello con la difesa a tre, in base alle sue varianti con cui Mourinho si è dilettato fino ad oggi: 3-4-2-1 che è poi l’assetto di base dei giallorossi, a cui l’allenatore portoghese ha associato prima il 3-4-1-2 e poi il 3-5-2. Con il modulo di base, il tridente offensivo è ancora composto da Dybala e Zaniolo alle spalle di Abraham, con Pellegrini spostato più basso, a palleggiare in mezzo al campo.

Ma in panchina c’è un altro tridente, che potrebbe tranquillamente essere titolare in molte squadre di serie A: Shomurodov ed El Shaarawy in supporto del Gallo Belotti. Tridenti che possono essere anche mixati, a seconda delle necessità in corsa. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa