Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Nicolò e Totti: quelli complicati per un Ct

Da Totti a Zaniolo, i romanisti e il (poco) feeling con alcuni CT

Più di 23 anni fa, retroscena rumorosissimo del Corriere dello Sport: la fuga di Totti dalla Nazionale. La notizia non arrivò a caldo, ma dopo qualche giorno. La Federcalcio sorpresa e imbarazzata, Dino Zoff , il ct dell’epoca, deluso e irritato, il Club Italia indeciso su come comportarsi. Francesco, seccato per la sostituzione all’intervallo (lasciò il posto all’amico romanista Eusebio Di Francesco), abbandonò lo stadio del Conero con Italia-Bieloroussia, valida per le qualificazioni a Euro 2000, ancora in corso. Doccia e via in macchina a Roma. A casa di corsa, lasciando Ancona senza salutare nessuno. Lo strappo è lontanissimo: 31 marzo 1999.

Pensate, Nicolò Zaniolo sarebbe nato poco più di tre mesi dopo (93 giorni), il 2 luglio. E mai avrebbe però ipotizzato che alla stessa età di Totti potesse vivere allo stesso modo la maglia azzurra. Il suo feeling con Roberto Mancini va da tempo in altalena, proprio come quello, a fine anni Novanta, tra Francesco e Dino. Strano a dirsi, perché la stima dei due ct è sempre stata dichiarata, tant’è vero che sono stati loro a far debuttare i due talenti del nostro calcio.

La mancata convocazione di Nico ha dunque fatto discutere. Più che altro guardando ai suoi colleghi che Roberto ha inserito tra i 29 convocati per le partite di Nations League, stasera a Milano contro l’Inghilterra e lunedì a Budapest contro l’Ungheria. Addirittura Gabbiadini, assente da quasi 5 anni e dallo spareggio del flop mondiale di Ventura contro la Svezia, chiamato dopo la rinuncia di Politano.

Una frase di Mancini, alla vigilia della gara con l’Inghilterra, potrebbe portare fuori strada: “La voglia di venire in Nazionale ci deve essere sempre e non a mesi alterni“. Qui il riferimento non è a Zaniolo, ma a Lazzari e Zaccagni. Nicolò, il secondo crociato gli è saltato due anni fa all’Amsterdam Arena nel primo tempo di Olanda-Italia e con Roberto già ct azzurro, a giugno lasciò il ritiro con una micro-frattura alla caviglia, non certo per andare in ferie con qualche giorno d’anticipo. Ma Zaniolo non deve farci caso: a Totti, al momento di dare forfait per infortunio, toccò spesso la visita fiscale a Coverciano. Con Trapattoni e Lippi andò meglio, fino al titolo mondiale. Lieto fine a cui deve puntare pure Mancini. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa