Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Britti: “In finale di Conference ho urlato come un matto. Mourinho? Mi dà molte speranze per il futuro”

L’intervista al cantautore romano e romanista

Alex Britti, noto cantautore romano e tifoso della Roma, è intervenuto ai microfoni di PlayRoma sulle frequenze di New Sound Level 90 FM. Si è parlato della sua passione per i colori giallorossi, passando per aneddoti personali legati a partite del passato ed ovviamente un commento sulla figura di Mourinho. Immancabile l’augurio a Francesco Totti nel giorno del suo 46esimo compleanno.

Sei nostro ospite in questo giorno speciale, oggi compie 46 anni Francesco Totti. Cosa ha significato per te Totti?

“Francesco è stato il massimo che potevamo chiedere nella Roma degli ultimi 20 anni. Purtroppo non abbiamo vinto molto, ma abbiamo visto un fuoriclasse che ha giocato da Dio e ci ha resi orgogliosi nel 2006 con la nazionale italiana. Ero e sono ancora oggi un suo super ammiratore. Poi lo conosco, è pure un bravo ragazzo; carino, simpatico, gentile. E che gli vuoi dire, è il capitano”.

Dove eri la sera della finale di Conference League contro il Feyenoord?

“Ero a casa, perché la mattina dopo dovevo partire presto per il tour. Ho urlato come un pazzo e ho spaventato mio figlio di 5 anni, perché non se l’aspettava, però poi gli ho spiegato che aveva segnato la Roma ed è stato contento. Ovviamente è super romanista anche lui”

Il capitano di adesso, Lorenzo Pellegrini, ti piace? Rappresenta al meglio la Roma?

“È diverso. Ha un carisma diverso, è una Roma diversa. Una Roma un po’ impersonale rispetto al passato. È sempre la Roma, ma oggi è diverso il calcio. Una volta era un calcio più di quartiere anche se avevamo un sacco di giocatori stranieri, era tutto diverso. Il capitano di adesso mi piace, ma non tentiamo paragoni, è ancora presto e non abbiamo visto quei numeri”

Come vivi il derby?

“Una volta ad un Derby per colpa di Delvecchio sono rimasto senza voce per una settimana, mi hanno odiato un sacco di discografici (ride, ndr). Ricordo anche il Derby del 5-1, quattro gol di Montella ed uno di Totti, io ero in Francia e tornai apposta in macchina da solo come un matto per vedermi la partita a Bordighera, dove c’era una birreria che trasmetteva la partita. Pure lì poi sono tornato senza voce, che visto il mestiere che faccio per me sono problemi”.

Mourinho, per carisma ed il suo modo di fare ti piace? Ti ricorda un po’ Capello?

“Capello era più un sergente di ferro, Mourinho è più uno psichiatra. Mi piace la mentalità che da alla squadra e l’internazionalità, non tanto per il gioco ma per approccio alla partita. Poi è uno sanguigno, si fa espellere, mi piace. L’anno scorso zitto zitto si è vinto questa Conference. Appena arrivato e già abbiamo vinto e quella coppa intanto sta li in bacheca. Mi piace il suo modo di approcciare e mi fa morire dal ridere quando fa le conferenze stampa. Sono molto contento e mi da molte speranze sapere di avere Mourinho in panchina”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News