Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Abraham, il riscatto dopo la delusione inglese

Zero minuti con l’Inghilterra, ora Tammy vuole dimostrare il suo valore

All’Inter, contro cui la Roma non vince da 11 partite, non ha mai segnato, e già questo sarebbe un buon motivo per aspettarsi da lui una bella prestazione, sabato pomeriggio (ore 18) a San Siro. In più, però, Abraham deve smaltire la delusione per non aver giocato nemmeno un minuto nella doppia sfida che la nazionale inglese ha disputato contro Italia e Germania. Uno zero che non è piaciuto al numero 9 romanista, consapevole del suo ruolo non da protagonista nella squadra allenata da Southgate ma comunque voglioso di mettersi in mostra a poco più di un mese dal Mondiale.

Per farlo, ora, gli è rimasta la Roma, dove però dovrà cambiare marcia. Il suo avvio è stato lento, con 2 soli gol nelle prime 7 giornate di campionato, seppure pesanti: le reti segnate, entrambe in trasferta, contro la Juventus e l’Empoli hanno portato 3 punti in più. La partenza a rallentatore è per lui un marchio di fabbrica e anche lo scorso anno, quando ha poi finito il campionato a quota 17, a questo punto aveva segnato solo 2 gol: iniziò a segnare con continuità nella seconda parte di novembre.

L’arrivo di Belotti ha portato da una parte la sicurezza per Mourinho (3 ko su 3 contro l’Inter, tutti nella passata stagione), di avere due centravanti di grande livello, dall’altra ha sicuramente messo un po’ di pressione addosso all’ex Chelsea: il gol che si è divorato contro l’Atalanta nell’ultima prima della sosta, la voglia che spesso ha di strafare, sono il segnale di un nervosismo latente. Lo scorso anno Abraham è stato praticamente costretto a giocare sempre, anche quando non era al massimo della forma. Quest’anno la titolarità non è garantita, e questo sarà uno stimolo per lui e per Belotti. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa