Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dybala ha stregato tutti

Impatto da fuoriclasse per la Joya

Forse serviva la gara di Milano per far capire davvero a tutti il peso di Paulo Dybala nella Roma di José Mourinho. Perché mai come a San Siro l’evidenza è saltata agli occhi: con la Joya in campo la Roma fatica meno a trovare la porta. Merito del fuoriclasse argentino, che nelle prime nove gare ufficiali della sua avventura nella Capitale ha messo a segno cinque gol e confezionato due assist. Tradotto: Dybala ha contribuito attivamente a sette delle quattordici reti giallorosse realizzate da inizio stagione.

Non si può assolutamente sbagliare nella gestione fisica del numero 21, che al Meazza è rimasto in campo per quasi un’ora prima di arrendersi ai crampi ed assistere dalla panchina alla prima vittoria romanista contro l’Inter dopo quasi sei anni. Le condizioni dell’argentino non destano particolari preoccupazioni ma, per non correre rischi, è possibile che tra Betis e Lecce le sue forze vengano dosate. Sabato scorso a prendere il posto di Dybala era stato Abraham, che per la prima volta dall’inizio del campionato ha cominciato una gara dalla panchina.

Il centravanti era tornato dal ritiro dell’Inghilterra senza aver giocato neanche un minuto, ma il suo approccio durante la sfida con l’Inter è stato positivo: il numero 9 ha aiutato la squadra a tenere palla durante il forcing finale, tornando spesso a dare una mano in difesa (vedi l’entrata su Camara per fermare Lautaro). Quello che quest’anno non sembra essere ancora sbocciato del tutto però è il feeling con il gol: sono due le realizzazioni in nove match disputati, entrambe arrivate in Serie A contro Juventus ed Empoli. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa