Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini salta il Betis ed è in dubbio col Lecce

Il fastidio al flessore del capitano giallorosso andrà quotidianamente monitorato. Kumbulla può dare il cambio ad uno dei difensori

Non sono le migliori notizie possibili, ma probabilmente si temeva di peggio. Gli esami a cui è stato sottoposto ieri, infatti, Lorenzo Pellegrini non ha evidenziato lesioni muscolari, ma un generico stato di sofferenza al flessore che andrà quotidianamente monitorato. Questo lascia pensare che giovedì contro il Betis Siviglia, nonostante la delicatezza della sfida, il centrocampista giallorosso non giocherà.

Poi, nei giorni successivi all’incontro di Europa League, le condizioni del capitano faranno capire se sarà opportuno impiegarlo domenica contro il Lecce (sulla carta impegno non titanico) oppure risparmiarlo per averlo di sicuro a disposizione nella sfida del giovedì successivo in trasferta a Siviglia, che potrebbe decidere le sorti di un girone che per i giallorossi non si messo nel migliore dei modi possibili dopo la sconfitta all’esordio in trasferta contro Ludogorets, che ha complicato i piani di gestione di José Mourinho.

L’allenatore portoghese dovrebbe recuperare Tammy Abraham fra i titolari, così come potrebbe esserci staffetta fra Zalewski e Spinazzola. Non è escluso che Kumbulla possa dare il cambio a uno dei tre difensori centrali, che finora stanno giocando quasi sempre, ma vista la difficoltà dell’incontro sembra improbabile che l’allenatore portoghese decida di lasciare in panchina Smalling, che è in uno stato di forma folgorante.

Si legge su La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa