Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, via allo stadio più “green” del mondo

Intorno al nuovo impianto verranno piantati oltre 3000 alberi. Poi pannelli voltaici, riciclo della plastica e colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici

Il nuovo stadio della Roma, che dovrebbe essere inaugurato nel 2027, si candida ad essere uno dei più “green” al mondo. Ieri il CEO Berardi ha consegnato in Campidoglio lo studio di fattibilità dell’impianto da 65mila posti di Pietralata. Il progetto non prevede grandi interventi edilizi, ma privilegia l’idea di una struttura “aperta tutto l’anno“.

Si punterà moltissimo sulla sostenibilità: pannelli fotovoltaici, riciclo della plastica, utilizzo di un’app per la sharing mobility ed ampia diffusione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici. Verranno inoltre piantiti 3000 alberi, che formeranno una barriera antirumore per proteggere l’Ospedale Pertini.

Uno dei nodi da sciogliere riguarda i ricorsi dei vecchi proprietari dei terreni di Pietralata per la realizzazione dello Sdo. L’assessore all’Urbanistica, Veloccia, rassicura: “Nessuno li ha chiesti indietro, la questione è attenzionata sotto il profilo legale sia dalla AS Roma sia dal Campidoglio”.

Il sindaco Gualtieri ha espresso ottimismo dopo l’incontro con i vertici giallorossi: “Abbiamo appena ricevuto il progetto di fattibilità tecnico-economica dello stadio a Pietralata. Ringrazio la Roma per la serietà e la qualità dell’interlocuzione per quello che è un investimento di grande importanza. Al più presto riuniremo la Conferenza dei servizi per esaminare e valutare con altrettanta serietà il progetto”.

La disamina dovrà concludersi entro 3 mesi e successivamente la delibera di pubblico interesse andrà in aula Giulio Cesare. In seguito verrà indetta la manifestazione di pubblico interesse per arrivare alla consegna del progetto definitivo e alla Conferenza dei servizi decisiva. L’iter potrebbe tagliare il traguardo nel 2024, dando il via ai lavori.

Si legge sul Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa