Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Mourinho: “Dybala sembra che sia qui da anni. Domani voglio uno stadio pieno di emozioni”

Le parole dello Special One rilasciate a Sky Sport

José Mourinho ha rilasciato delle dichiarazioni a Sky Sport alla vigilia del match contro il Real Betis. Di seguito le sue parole.

Sulla partita di domani

“La partita arriva dopo una sconfitta nell’ultima in casa (contro l’Atalanta, ndr). Però da quella sconfitta siamo usciti con una sensazione di superiorità. Questa sensazione la voglio anche domani. Loro hanno un vantaggio, perché hanno sei punti e noi tre. Voglio uno stadio pieno di emozioni. Sarà una partita difficile, loro hanno un ottimo allenatore. L’Europa League ha squadre più competitive della Conference”

Su Dybala e Smalling

“Il suo inserimento è stato naturale. È naturale aver voluto un giocatore come Paulo. È importante che lui non abbia sentito il peso di venire qui ed essere un giocatore importante. È tutto naturale, sembra che sia qui da anni, sembra che lo conosco da anni. Questa naturalità è sinonimo di qualità. Lui è un ragazzo dello stesso livello del giocatore che è. Smalling? È strano che non sia in nazionale inglese. È una cosa strana per me. Sono in una posizione privilegiata per paragonare questo Smalling con quello di 4-5 anni fa. Non so se sia rigenerazione fisica, se sia gioia di vivere qui, se sia gioia di giocare per la Roma. Quello che so è che è un giocatore di livello altissimo. Vive un ottimo momento e sono molto contento di lui”.

Infine una parola su Matic

“È la terza volta che gioca in una squadra con me. La prima volta era dieci anni fa, ovviamente è cambiato. Ha perso qualcosa ma ha anche qualcosa in più. È un cervello in campo, per noi è importante”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra