Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Celik ko, la Roma nei guai: Mourinho senza terzini punta su Zalewski

Nella corsia destra José Mourinho si ritrova senza giocatori. Pronto a puntare sulla corsa e duttilità di Zalewski

La Roma ha perso un altro giocatore. Contro il Betis Siviglia si è fermato anche Celik, che allunga la lista dei giallorossi finiti in infermeria da due mesi a questa parte. Il turco ha riportato nei primi minuti una forte contusione al ginocchio destro in uno scontro fortuito con Mancini.

Ieri gli esami effettuati a Trigoria (ecografia) hanno evidenziato una lesione al legamento collaterale, nella parte interna del ginocchio. Il terzino comincerà subito le terapie, ma per valutare i tempi di recupero bisognerà attendere qualche giorno. Di solito per un infortunio del genere si sceglie la terapia conservativa e non chirurgica, per rivederlo in campo bisognerà aspettare l’anno nuovo.

La stagione per la Roma era cominciata con grandi aspettative, ma i numerosi infortuni e le difficoltà sul piano del gioco hanno portato già quattro sconfitte, con la qualificazione in Europa League ancora tutta da giocare. Continua la maledizione del ruolo di terzino destro.

Mourinho prepara la soluzione alternativa, l’unica rimasta: Zalewski a destra, posizione nella quale il giovane polacco, partito titolare a sinistra giovedì sera, è stato spostato quando si è fatto male Celik.

Inoltre potrebbero essere promossi in prima squadra un paio di ragazzi della Primavera. Dopo Karsdorp si ferma anche Celik e la Roma non ha più un terzino destro di ruolo. Potrà fare qualche presenza in più Viña, che tornerà ad essere l’unica alternativa a Spinazzola sulla sinistra. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa