Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo in corsa, scelta ponderata. E adesso arriva la chance Napoli

Zaniolo parte fuori, entra ed è devastante

Aveva annusato qualcosa nell’allenamento di domenica. Nella partitella a un certo punto si è trovato fuori dalla squadra titolare, che prevedeva la presenza del doppio centravanti. Non era un test per un eventuale aggiustamento in corsa, era una scelta strategica: Nicolò Zaniolo sarebbe stato utilizzato per l’ultimo quarto di partita, quando la Sampdoria avrebbe concesso per stanchezza qualche metro di troppo alle sue progressioni.

A conti fatti Mourinho ha avuto ragione, perché la Roma ha sfruttato l’unica occasione del primo per andare in vantaggio e poi grazie a Zaniolo si è procurata diverse opportunità per archiviare la questione.

Ma la panchina non è stata una punizione. È stata un’idea tattica di Mourinho e dello staff. Nicolò non è stato felice di restare fuori, ma ha accettato la sfida con maturità, entrando in campo con l’altro panchinaro di lusso Karsdorp.

Chissà che la partita giusta non diventi allora Roma-Napoli. Sarebbe la perfetta chiusura del cerchio: proprio al Napoli, prima della saga degli incidenti e delle operazioni, aveva segnato l’ultimo gol in campionato all’Olimpico, il 2 novembre del 2019. Tre anni dopo è un’altra Roma, un altro mondo. È anche un altro Zaniolo. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa