Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Hasegawa: “Non vedo l’ora di affrontare Mourinho”

Le parole dell’allenatore del Nagoya Grampus, prossima avversaria della Roma nel ritiro in giapponese dei giallorossi

Dal 22 al 29 novembre la Roma sarà in ritiro in Giappone. Il 25 i giallorossi affronteranno al Toyota Stadium il Nogoya Grampus, e proprio il tecnico dei giapponesi, Kenta Hasegawa, ha parlato della sfida in programma a Il Romanista.

Il 25 affronterà José Mourinho. Come ha preso questa notizia?
“Sono molto felice. Non vedo l’ora di vedere come si comporterà durante la gara un allenatore che ha vinto i campionati di ogni nazione in cui ha lavorato. Nei primi anni della J League c’erano molte partite contro squadre estere, negli ultimi tempi ci sono state poche occasioni del genere. E io non vedo l’ora di giocare contro una squadra europea per la prima volta dopo tanto tempo”.

Crede che gare come questa possano portare benefici anche alla sua squadra e in generale al movimento giapponese?
“Quella di affrontare giocatori che giocano in Serie A è un’opportunità rara. I miei ragazzi potranno sperimentare in campo l’intensità del campionato italiano e quindi anche le tecnologie all’avanguardia di cui possono beneficiare. Sarà un’ottima occasione di studio per la mia squadra”.

Nella Roma di Mourinho ci sono giocatori che si prenderebbe al Nagoya?
“Mi porterei qui Bryan Cristante”.

Se dovesse presentare la sua squadra?
“Giochiamo a un’intensità altissima e per noi è centrale il lavoro di squadra”.

C’è un campionato che preferisce guardare?
“Guardo i campionati di ogni paese, principalmente seguo le gare di Champions League”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News