Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Youth

Bah: il cugino di Darboe che sta incantando Trigoria

Nel vivaio sta emergendo un nuovo talento: Muhammed Bah è la rivelazione del mese di novembre

Nel settore giovanile della Roma, nelle ultime settimane, si sta mettendo in mostra il centrocampista classe 2007 Muhammed Bah che in realtà già in estate ha iniziato ad allenarsi con i giallorossi ma l’iter del tesseramento è stato completato solo a fine novembre. Tesserare ragazzi africani è sempre complesso, in particolare nel vivaio. Bah è il cugino del più celebre Ebrima Darboe e non è l’unico parente entrato nel settore giovanile della Roma dato che è stato tesserato anche il terzino destro classe 2008 Balagie Darboe, fratello di Ebrima. 

Bah ha esordito in giallorosso il 20 novembre nel match casalingo contro il Bari U17, quindi per lui sottoetà di 1 anno e gli sono bastati 35 minuti per trovare la sua prima rete ufficiale. Oltre il gol Bah ha fatto vedere subito di che pasta è fatto con una prestazione di spessore nel mix tra quantità e qualità. Così nella settimana successiva per lui è arrivato l’esordio in U18 contro il Cesena, addirittura sottoetà di 2 anni. Anche nel match contro i romagnoli sono arrivate ottime risposte tanto da guadagnarsi pochi giorni fa la prima chance da titolare in U18 nel difficile big match in trasferta contro la capolista Fiorentina dove per la Roma è arrivato un ottimo 0-0. 

Merita di essere sottolineato il fatto che Bah sia attualmente l’unico classe 2007 che in questa stagione in Italia ha trovato spazio nel campionato U18 che come annata di riferimento schiera i 2005. Data questa rapida escalation è lecito chiedersi: fin dove potrà arrivare Bah? Il percorso è ancora lungo ma è chiaro come la Roma abbia tra le mani una mezz’ala molto interessante perché alle tipiche qualità fisiche dei centrocampisti provenienti dall’Africa abbina anche un’ottima base tecnica che gli permette di gestire con qualità il pallone. Bah può essere incisivo sia senza palla attraverso buonissimi tempi di inserimento che con la palla dato che il piede glielo permette. 

Magari entro un paio di anni si parlerà e scriverà del suo esordio in prima squadra. Tempo al tempo. Bah sta arrivando. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Youth