Sito appartenente al Network

Jesus Navas: “Non vedo l’ora di giocare, affrontiamo un avversario molto difficile”

Le parole dell’esterno del Siviglia in vista della finale di Europa League

Jesus Navas, storica bandiera del Siviglia, ha rilasciato un’intervista ai canali ufficiali della UEFA, in vista della finale di Budapest contro la Roma. Queste le sue parole:

Sulla finale contro la Roma. 

“Non vedo davvero l’ora di un’altra grande e meravigliosa opportunità. Affrontiamo un avversario molto difficile e sarà una partita molto combattuta. Ovviamente spero di vincere e sfruttare l’occasione. Ci siamo trasformati ed è incredibile come abbiamo fatto bene ogni partita. È una competizione che ci ha dato molto e la gioia che ci dà ogni volta che partecipiamo ci spinge ad andare il più lontano possibile”.

Sul ritorno al Siviglia.

“Tornare al Siviglia è stato molto speciale perché il supporto che sento è incredibile. Stavano aspettando che tornassi e non vedevo l’ora di continuare a fare cose importanti qui e vincere trofei. Da capitano sono riuscito a sollevare l’Europa League a Colonia. È stato meraviglioso. Sono tornato con la stessa energia e voglia di continuare a crescere, imparare e vincere. Voglio che il Siviglia cresca ancora di più e ora siamo in un’altra finale”.

Sull’impatto avuta da Mendilibar. 

“Quello che José Luis ha fatto con noi è stato fondamentale. Ha tirato fuori il meglio da noi e quando guardi le squadre che abbiamo eliminato ci rende orgogliosi. Merita di stare con noi per molto tempo. È un allenatore che ci mette sempre sotto pressione e che ha quell’etica del lavoro per allenarsi duramente e ottenere il meglio da noi. Il suo arrivo ha coinciso con un’incredibile svolta nella nostra stagione e merita di essere in questa finale perché lavora così bene”.

Sull’amore per il Siviglia.

“Tifo per il Siviglia da quando ero bambino. Sono cresciuto qui e significa tutto per me. Mi godo ogni partita e ho una grande passione per questa maglia, questa è la cosa migliore. Devo tutto ai tifosi e alla società e ho l’umiltà di lottare per lo stemma e i colori della squadra, che mi hanno reso felice fin da giovanissimo”.

Come passi il tuo tempo libero? 

“Ho vissuto in un piccolo villaggio e a volte può essere complicato quando tutti mi si avvicinano per strada. Approfitto quando posso. Ora che abbiamo tante partite è difficile, ma ho tutto il supporto dei tifosi e questo è motivo di grande orgoglio e felicità”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il terzino uruguaiano durante la sua presentazione mette a confronto il calcio europeo con quello...
L'ex giallorosso ha voluto ricordare il serbo, scomparso a dicembre 2022 dopo una lunga battaglia...
Andrea Agnelli e Nasser Al Khelaifi hanno svelato il piano Bohr: proposto un piano alternativo...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica...
Si affrontano due nazioni di grande tradizione, anche se negli ultimi anni il parco giocatori...
E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...