Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Gazzetta dello Sport, Monchi: “Alla fine avrò ragione io”

“Il mercato di Gennaio serve per fare piccole cose”

«Nel mio primo anno abbiamo raggiunto un risultato ottimo – racconta a Sky –, adesso invece è ancora presto per sapere come finiremo, perché siamo ancora vivi in tutte le competizioni. Penso che i bilanci si facciano alla fine della stagione, ma qualcosa ho sbagliato. E se succede, sbaglio io. Pallotta infatti, mi ha detto: “Questa è la tua squadra, questa è la tua Roma”». […]  «Tutti aspettano che prenda 3-4 e che diventeranno  importanti, invece per me il mercato di gennaio non cambia tanto una squadra, è per fare piccole cose. Se bisogna fare tanto, vuol dire che si è sbagliato in estate». Così le decisioni su Schick e Pastore sono queste: non si muovono. Discorso diverso per Marcano, Karsdorp e Coric che, se richiesti, potrebbero anche partire, anche se gli ultimi due in prestito. […] A centrocampo si stanno monitorando due profili importanti come quelli di Weigl (B. Dortmund) e Samassekou (Salisburgo), mentre in difesa piace Maidana (S. Paolo), Kabac (Galatasaray) e Dendoncker (Anderlecht). Piacciono l’attaccante Tsygankov (Dinamo Kiev), il terzino Tagliafico (Ajax) e  il centrocampista Traoré (Empoli). «I tifosi hanno ragione, e quelli della Roma di più, perché è vero che quando si tifa una squadra così – cioè grande, non solo in Italia, ma anche in Europa – bisogna vincere qualcosa. […] So che il tempo nel calcio a volte non arriva mai. Ma sono convinto – perché so come lavoro io e come lavorano quelli che ho intorno – che abbiamo ragione».

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa