Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Social Network, il mental coach di Schick: “Grande inizio di 2019. Non vedo l’ora di approfondire la collaborazione con Patrick

Il giovane attaccante ceco ha affidato la sua crescita motivazionale al mental coach Jan Muhlfeit, che ha celebrato la doppietta di Schick con un post su Instagram

Jan Muhlfeit, mental coach di Patrick Schick, ha festeggiato il ritorno al gol del calciatore nella partita di ieri contro l’Entella: “Grande inizio di 2019 per Schick, la Roma e la Federazione ceca”, ha scritto il motivatore su Instagram. “Due gol e un assist nella partita contro l’Entella. Grandi complimenti a lui e alla squadra. Non vedo l’ora di approfondire la collaborazione con Patrik”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

PATRIK SCHICK : @p_schicky hráč @officialasroma a @ceskarepre odstartoval skvěle rok 2019, 2 góly a jednou asistenci v pohárovém zápase proti Entella. Velká gratulace Patrikovi i celemu týmu @officialasroma . Těším se na další spolupráci s Patrikem ?. PATRIK SCHICK : @p_schicky of @officialasroma and @ceskarepre great start in 20019, 2 goals and one assistance in the Italian cup match against Entalla. Big congratulation to Patrik and whole @officialasroma I am looking forward to future cooperation?. #asroma #patrikschick #football #soccer #sport #mentaltoughness #janmuhlfeit #mentalcoach #czechteam #leadership #positiveleader #pozitivnileader #motivation #inspiration #fitness #odemykanilidskehopotencialu #odemykanidetskehopotencialu #flow #talent

Un post condiviso da Jan Mühlfeit (@janmuhlfeit_official) in data:

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News