Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Gazzetta dello Sport, “Dzeko: questa squadra ha un’anima”

“Dopo Firenze abbiamo mostrato di avere un’anima”

A raccontare il valore di Edin Dzeko, in fondo, può servire un numero e una sensazione. Il centravanti – contro il Chievo il migliore in campo – ieri è arrivato al 10° gol stagionale (5 in campionato, sempre in trasferta, e 5 in Champions League) eppure si parla della sua annata come tutto sommato (finora) deludente, e con qualche ragione. Insomma, se sei Dzeko, occorre dimostrarsi all’altezza del sogno, della voglia di una piazza di essere all’altezza della nobiltà europea. Non facile, soprattutto quando si vive una stagione sulle montagne russe. L’impressione, però, è che la Roma adesso sia in miglioramento e Dzeko ne sia lo specchio. La notizia migliore in vista della sfida di martedì contro il Porto. «Potevo fare più gol in questa stagione ma ancora non sono arrivati – spiega il centravanti – E’ difficile per noi che ci sia una serata tranquilla. Ogni tanto smettiamo di giocare e non so perché, come è successo negli ultimi 20’ del primo tempo, quando Mirante ha fatto una parata che ci ha salvato dal possibile 1-2. Quando non tocco palloni per 10 minuti poi mi perdo anche un po’. Speriamo che lo capiscano anche i miei compagni così mi danno ancora di più il pallone. Comunque dopo la brutta prestazione di Firenze abbiamo dimostrato di avere un’anima.». Lo riporta La Gazzetta dello Sport. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa