Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Repubblica, “Contro il Bologna tra maledizione e fame di riscatto”

Tanti i punti persi dalla Roma contro le ultime sei in classifica

Vietato guardare indietro. La ferita non è freschissima, ma i motivi per ricordarla abbondano. Uno su tutti. Anzi, undici. Come i punti persi contro le ultime sei in classifica. Chievo, Spal, Udinese e ovviamente il Bologna, che oggi torna all’Olimpico pure con un volto differente: avversarie che nel girone d’andata sono costate 3 sconfitte e un pareggio sanguinoso, in rimonta.

Partite abbordabili e gettate via, inspiegabilmente senza giocarle neppure. Black out senza i quali, oggi, la Roma potrebbe trovarsi saldamente al terzo posto, dietro a Juventus e Napoli e davanti all’Inter del “nemico” Spalletti. E i punti diventano 13 aggiungendo il Cagliari, che oggi è precipitato al 14° posto. Quasi una maledizione a cui Di Francesco deve trovare il modo di porre rimedio.

Proprio contro l’avversario peggiore: perché è al Dall’Ara, nella gara di andata, che ha iniziato a scricchiolare la sua panchina. Quella sera Pallotta si disse “disgustato. Il suo consulente Baldini iniziò a flirtare con Paulo Sousa, da quel momento diventato spettro a intermittenza sulla sua testa. Ogni sconfitta, è quella sera che torna in mente, con la squadra in ritiro e i dirigenti muti come mummie. “È un ricordo non bello – ammette Di Francesco – però ci deve servire per non tornare indietro. Quest’anno i momenti si sono un po’ alternati, abbiamo risalito la china e poi siamo tornati in basso. Sarà comunque una partita differente dall’andata, è un altro Bologna, ha un altro allenatore e tanti giocatori nuovi. Una squadra che lavora in maniera differente rispetto a prima”.

Ma che non potrà sbagliare nulla: molte concorrenti per la salvezza nel weekend hanno vinto (Cagliari, Empoli, Udinese) e dopo la Roma Mihajlovic ospiterà la Juve. Insomma, la squadra ha pochissimo da perdere. Anche per questo il turnover è rimandato. Avrebbe voluto lasciare a riposo Zaniolo, il tecnico, magari per sgravarlo da pressioni. Ma lo stop di El Shaarawy lo costringe a diversi intendimenti: “Sì –ammette Di Francesco – in questo momento devo tenerlo per forza in considerazione perché non ho altri attaccanti, considerato che Ünder e Schick sono infortunati e El Shaarawy è in dubbio. Ma faccio un appello generale: fatelo rimanere sereno. È un ragazzo di 19 anni, non deve avere addosso troppe responsabilità, l’ho detto anche a lui. Si è parlato anche di questa maglia 10, ma per ora gli sta benissimo la 22. Dobbiamo essere bravi noi e l’ambiente a farlo crescere. È un giocatore di grande prospettiva che deve ancora dimostrare tante cose”.

Torna Olsen dopo aver lasciato a Mirante la difesa della porta contro il Porto. Tornerà anche Perotti, quell’uomo in più mancato lungamente in questa stagione: solo 218 minuti e spalmati su 5 partite (non gioca dal 26 dicembre). Mancherà anche l’ex Destro, nel Bologna: ma questa per la Roma non può che essere una buona notizia.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa