Resta in contatto

Rassegna Stampa

Colpo Lozano per il Napoli. Icardi al bivio: apre alla Roma per non restare ai box ma aspetta la Juve

Con l’arrivo del messicano i partenopei mollano l’argentino

Preso Lozano, la suggestione di portare a Napoli Mauro Icardi si è affievolita. Oggi, per il centravanti argentino dell’Inter, esistono soltanto tre possibilità: la Juventus, la Roma o la permanenza forzata ad Appiano. L’idea, sua e della ingombrante moglie Wanda Nara, è chiarissima: la Juve rappresenta l’approdo ideale, la dominatrice che offrirebbe all’ambizioso Mauro l’occasione di una vendetta tecnica nei confronti dell’Inter. Ma la strada è in salita.

L’ad nerazzurro Marotta, che in questo mercato ha ingaggiato con i bianconeri un duello all’ultimo colpo, lo cederebbe alla sua ex squadra soltanto in due casi: per 70 milioni cash oppure scambiandolo con Paulo Dybala. Due strade che il ds juventino Paratici non vuole seguire, almeno a oggi. Se lo stallo dovesse permanere, e la famiglia Icardi-Nara si rendesse conto che la Juventus non potrà mantenere la promessa di portarlo a Torino, allora aprirà alla Roma, con cui ha avuto contatti nel weekend.

Giallorossi e Inter d’accordo sui termini dell’affare: soldi più il cartellino di Edin Dzeko. La divergenza è sull’entità del conguaglio economico: la Roma ha già messo sul piatto, tramite mediatori, la disponibilità a chiudere per Dzeko e 30 milioni, l’Inter ne vuole 50. Se Icardi aprisse davvero a un futuro romanista, si cercherebbe un’intesa a meta strada. Lo scrive oggi  “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa