Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Schick e Defrel, esuberi di lusso

Non c’è posto per i due nella Roma di Paulo Fonseca

Sia Schick che Gregoire Defrel possono andare via prima della fine del mercato se troveranno una collocazione conveniente. Le scelte dell’allenatore lo confermano: 22 minuti di gioco per Schick tra Real Madrid e Arezzo, soltanto 8 per Defrel.

La Roma due anni fa stanziò sul calciatore ceco 42 milioni complessivi, con saldo definitivo entro il febbraio del 2020. Per scongiurare minusvalenze di bilancio, Petrachi studia la formula del prestito biennale oneroso in linea con l’operazione Nzonzi-Galatasaray. Una destinazione potrebbe essere la Germania, ma l’interesse del Borussia Dortmund si è rivelato tiepido.

Le squadre con proposte concrete, Marsiglia e Newcastle, Schick non le ha considerate. Il suo ingaggio rende impossibile un trasferimento italiano. Defrel invece ha più mercato. Monchi lo acquistò a 20 milioni più 3 di bonus, il prestito alla Sampdoria ha fruttato alla Roma 1.5 milioni e ora la società può rivenderlo a 15.

L’accordo con il Cagliari era stato già raggiunto ma è saltato per le modalità di pagamento, la sensazione è che il francese alla fine andrà in Sardegna. Interessa anche alla Sampdoria (dove ritroverebbe Di Francesco) e al Genoa. Lo scrive oggi il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa