Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Conferenze stampa

Zappacosta: “Sono pronto, mi sento bene” Cetin: “Imparerete a conoscermi” (FOTO/VIDEO)

Il nuovo terzino giallorosso si presenta assieme al centrale turco

Si sta svolgendo in questi istanti la conferenza stampa di Davide Zappacosta, nuovo acquisto giallorosso. Con lui anche Mert Cetin, giovane centrale di difesa turco. Presente anche Morgan De Sanctis:

Parla De Sanctis:
Oggi presentiamo due giocatori, il primo è Mert Cetin. Il classe 97 ci ha fatto vedere cose molto interessanti, siamo sicuri che si ripeterà anche a grandi livelli. Il secondo è Davide Zappacosta, che non ha bisogno di presentazioni. Speriamo che ciò che ha dimostrato possa farlo vedere anche qui.

Per Zappacosta: Petrachi ha detto che ti ha trovato molto più maturo, è vero
Il ds ha ragione, mi sento molto più maturo a livello umano e caratteriale. Non è facile andare a giocare in un campionato così diverso, mi ha aiutato tanto come esperienza.

Per Cetin: cosa rappresenta la Roma per te in questo momento?
E’ sempre stato un sogno fin da piccolo. Con il tempo imparerete a conoscermi e a vedere quanto valgo

Per Zappacosta: Come stai e come è andato il primo allenamento?
Ci siamo allenati bene, anche se a livello fisico mi sento molto bene. Devo riprendere il ritmo partita, ma sono sicuro che non ci saranno problemi.

Per Cetin: Quanto può essere utile Under per il tuo apprendimento?
Avevo parlato con lui prima di arrivare, mi ha preparato a conoscere Roma. E’ un fratello turco, mi sarà utile qui.

Per Zappacosta: due anni al Chelsea, si rimette in gioco. Giocare la Champions con la Roma è un suo obiettivo? Quale motivazioni l’hanno portata qui?
Avevo voglia di ripartire in un certo modo, la Roma è sempre un grande club. Il motivo principale è questo. Voglio avere un percorso importante con la Roma, a partire da adesso, ma bisogna ragionare partita per partita, la Serie A è un campionato difficile. Solo facendo così potremo toglierci soddisfazioni

Per Çetin: cosa l’ha colpita di Fonseca? Pensa di giocarsela alla pari con gli altri difensori?
E’ un campionato molto impegnativo, forse il più difficile, ma sicuramente uno dei migliori per far crescere un difensore. Fonseca mi ha detto molte cose, ma in particolare mi ha chiesto di avere grinta ed impegno in quello che faccio. Mi sento forte come difensore centrale, mi sento all’altezza per poter competere con gli altri. Avrò bisogno di tempo.

A De Sanctis: la formula di trasferimento di Zappacosta?
Arriva in prestito di 6 mesi con rinnovo automatico. Il rinnovo non scatterà se si verificheranno alcune situazioni particolari, legati al blocco del mercato del Chelsea. Tutto qua.

A Zappacosta: i messaggi dei suoi ex compagni del Chelsea? Europa League un obiettivo?
Ho parlato con Emerson e Rudiger, mi hanno detto che è una piazza unica, che mi sarei divertito qui perché il gruppo è fantastico, ho subito riscontrato la verità di quanto mi hanno detto. Ho vinto l’Europa League con il Chelsea l’anno scorso, naturalmente puntiamo al massimo e ce la metteremo tutta. Ma l’importante è ragionare partita per partita, non porsi traguardi alla lunga.

Per Çetin: ha detto di ispirarsi a Sergio Ramos, può descrivere le sue caratteristiche?
Sergio Ramos è il mio idolo, ma il mio nome è Mert Cetin: tra un paio d’anni si parlerà del mio nome. Sono anche io un giocatore duro ed aggressivo, riesco a far ripartire la difesa come lui, è un mio idolo ma vorrei che negli annali un giorno ci sia anche il mio nome.

Per Zappacosta: Mancini l’ha consigliata nella scelta?
Non ho sentito il mister, all’epoca per me era impossibile non lasciare l’Italia, sono contento di essere tornato con un bagaglio più ampio. Sicuramente la Nazionale è un mio obiettivo.

Per Cetin: tecnicamente qual è il suo principale pregio e un difetto su cui lavorare?
I miei punti di forza sono la velocità e la ripartenza dalla difesa, da migliorare ci sono molte cose. Come ho già detto la Serie A è il migliore perché permette a un giocatore di migliorarsi molto. Su quali punti lavorare lo vedrò durante il campionato e anche voi vedrete una differenza. Posso dire che vorrei sfruttare al massimo le mie potenzialità.

Per De Sanctis: il punto sulle trattative? Si registra smarrimento per la possibile perdita di Riccardi?
Non è la giornata adatta, a breve probabilmente il ds Petrachi risponderà a queste sollecitazioni.

Per Zappacosta: Serie A ancora distante dalla Premier?
Ci stiamo avvicinando molto, ho seguito la Serie A in questi 2 anni, c’è differenza dal punto di vista atletico ma non su quello tecnico, con il tempo si avvicinerà di più

Per Çetin: ha preso in considerazione l’idea di andare a giocare in prestito con più continuità?
L’ho già detto, ho firmato con la Roma e sono un giocatore della Roma, non penso assolutamente a prestiti o altro. Sicuramente mi dovrò adattare, se c’è da aspettare aspetterò, una volta adattato sarò pronto.

Per Zappacosta: il passaggio da Sarri a Fonseca?
Oggi mi sono allenato con la squadra e il mister ha le idee chiare, sono concetti chiari ma semplici. Con semplicità e idee chiare tutto è più semplice, non chiede nulla di particolare, vuole un modo di giocare semplice e diretto.

Per Çetin: il calcio turco sta vivendo una nuova era?
Sicuramente è l’età dell’oro per il calcio turco, molti giocatori giocano in Italia e all’estero. Vedrete che la nuova generazione è fatta di giocatori forti e promettenti, a mio parere la Turchia emergerà anche a livello internazionale.

Per De Sanctis: le condizioni eccezionali per l’eventuale non rinnovo di Zappacosta?
E’ una cautela che il Chelsea si è voluto prendere per il blocco del mercato in entrata, dovevamo accettare queste cautele. Niente di significativo. Resterà qui un anno e dimostrerà il suo valore, dopodiché si faranno le considerazioni del caso a fine stagione.

Per Zappacosta: ha parlato con Florenzi, anche rispetto alla rivalità di ruolo?
Prima di arrivare il mio procuratore ha parlato con Alessandro, la risposta è stata bellissima e l’ho ringraziato subito dopo. E’ il capitano e un grande giocatore, una sana concorrenza fa bene al singolo e al gruppo. Sono convinto che entrambi possiamo dare tanto a questa maglia, non c’è alcun problema. La risposta? Mi ha detto che ogni giocatore che migliora la rosa è il benvenuto e che mi avrebbe aspettato qui a Trigoria.

Per Çetin: ti hanno parlato della Curva Sud e dell’ambiente che si vive all’Olimpico?
Ne avevo già parlato con Under, mi ha parlato bene del calore della Curva Sud, di come il calcio sia molto sentito in Italia. Non vedo l’ora di scendere in campo per dare il massimo e dimostrare ai tifosi quanto valgo.

Per Zappacosta: in un anno zero è arrivato il rinnovo di Dzeko, che spogliatoio ha trovato dopo questa notizia?
Ho trovato uno spogliatoio compatto e unito, è uno degli attaccanti migliori al mondo e può dare tanto a questa squadra.

Per Çetin: ti avevano cercato Fenerbahçe e Galatasaray, perché hai scelto la Roma?
Sono i club migliori in Turchia, è vero che mi hanno cercato, ma il mio sogno era giocare in Europa. La Serie A è un bel campionato che permette di migliorarsi. Sono sicuro che alla Roma migliorerò e dimostrerò quanto valgo.

 

 

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Conferenze stampa