Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Fonseca: “Vittoria importantissima. Importante la dinamica di squadra”

Il tecnico giallorosso: “Abbiamo creato molte occasioni da gol, abbiamo sbagliato un rigore, penso che i ragazzi hanno lavorato molto”

Paulo Fonseca, allenatore della Roma, è stato intervistato durante il post-partita di Lecce-Roma 0-1. Queste le sue parole:

FONSECA A DAZN

Fonseca, abbiamo visto i gol del Napoli, oggi la Roma ha detto ci sono anch’io per il quarto posto…
E’ sempre importante vincere questo tipo di partita, penso che abbiamo fatto una buona partita, abbiamo controllato sempre la partita. Abbiamo creato molte occasioni da gol, abbiamo sbagliato un rigore, penso che i ragazzi hanno lavorato molto. Come ho detto è una vittoria importante.

Come mai nel primo tempo così tanti tiri concessi al Lecce?
Si, hanno creato tante situazioni in contropiede ma sappiamo che questo tipo di gioco comporta questi rischi, non eravamo preparati al momento in cui perdevamo il pallone. Può succedere, potevamo però fare 5-6 gol.

Andiamo a rivedere l’azione che ha riportato al gol di Dzeko, che ha segnato a 25 squadre su 26 che giocano in Serie A, manca solo il Parma, oggi è arrivato quello contro il Lecce…
Una situazione in cui abbiamo recuperato la palla alta e dopo un grande cross per la zona dove Dzeko è molto forte.

Si riparte dalla porta imbattuta dopo le critiche per il cambio di modulo?
Smalling ha fatto una buona partita, come Mancini. Come ho spiegato non è importante il modulo, ma la dinamica di squadra.

FONSECA A SKY SPORT

Più convinto della difesa che no ha subito gol o di quanto avete creato?
Potevamo fare 5-6 gol, nella ripresa il Lecce non ha avuto un’occasione da gol. Stiamo trovando l’equilibrio, sono contento perché non abbiamo subito gol e abbiamo vinto. È sempre difficile vincere fuori casa e questa è una vittoria importante.

Si aspettava Smalling così? Come sta Pellegrini?
Pellegrini ha un problema che dobbiamo risolvere, ha giocato bene ma con dolore. Su Smalling, ha fatto una buona partita come la scorsa, è un giocatore importante ma anche Mancini ha fatto una buona partita.

Qual è la coppia di difensori più affiatata?
Io ho fiducia in tutti i giocatori che ho, è vero che Mancini e Smalling hanno fatto una buona partita ma anche Fazio l’ha fatta nella scorsa. È difficile per me quando devo scegliere ma sono contento perché anche cambiando qualche giocatore oggi la squadra ha mantenuto l’idea solita.

Le fa piacere vincere anche 1-0 o preferisce un 4-3?
Io preferisco 1-0, non mi piace prendere gol ma oggi potevamo fare 5-6 gol.

FONSECA A ROMA TV

Vittoria sofferta ma importante…
Sì, molto importante. Non è facile vincere fuori casa, ma potevamo fare 5-6 gol e abbiamo sbagliato il rigore. E’ una vittoria importante per noi.

Qualche errore di scelte negli ultimi metri?
Le decisioni negli ultimi metri sono importanti. Abbiamo creato ma abbiamo sbagliato.

La differenza tra il primo e secondo tempo?
Il Lecce ha abbassato molto la squadra, non avevamo spazio per entrare negli ultimi metri. Abbiamo fatto una buona circolazione palla e abbiamo procurato lo spazio, ma è difficile quando hanno la linea difensiva schierata.

Soddisfatto delle coppie Diawara-Veretout e Mancini-Smalling?
Sì, Diawara ha fatto una buona partita. Molto bene la coppia difensiva.

Ora testa alla prossima…
Dobbiamo pensare che è una partita difficile in Europa, hanno vinto 4-0 contro il Borussia. Il Wolfsberg è una squadra forte, dovremo fare qualche cambio perché non è facile giocare tante partite in poco tempo.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra