Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Cristante: “Avremmo dovuto sfruttare qualche occasione in più. Il pareggio va bene”

Il centrocampista giallorosso: “Abbiamo incontrato un’ottima squadra, ma sapevamo già che avrebbero pressato alto. In Europa vanno tutte forte”

Al termine della gara di Europa League contro il Wolfsberger, terminata 1-1, il centrocampista giallorosso Bryan Cristante ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

CRISTANTE A ROMA TV

Risultato che conta poco ai fini della classifica. Avete incontrato una squadra che vi ha messi in difficoltà…
Sì, abbiamo incontrato un’ottima squadra, ma sapevamo già che avrebbero pressato alto. Abbiamo fatto una buona partita, prendendo qualche ripartenza di troppo. E’ venuto fuori un pareggio.

Cosa è mancato?
Dovevamo sfruttare di più qualche occasione che abbiamo avuto e stare più attenti nelle loro ripartenze. Anche un pareggio, fuori casa con loro, va bene.

In Europa non ci sono squadre da sottovalutare…
Certo, non serviva questa partita per capirlo, in Europa vanno tutte forte e sono tutte partite difficili.

CRISTANTE A SKY

Ve l’aspettavate così difficile la gara? Potevate fare qualcosa in più sul possesso palla?
Sì ce l’aspettavamo così difficile, sicuramente potevamo fare meglio e soprattutto potevamo sfruttare meglio le occasioni che abbiamo avuto. Sapevo che era una squadra aggressiva e brava nelle ripartenze.

Quando vi attaccano così quali sono le linee guida di Fonseca?
Dobbiamo farci vedere tutti ed essere disponibili perché quando trovi una squadra così aggressiva che ti prende nella tua metà campo c’è bisogno di tutti gli undici della squadra per uscire.

E’ accaduto questo?
In alcuni momenti sì ed in altri sicuramente potevamo fare meglio. Adesso in settimana vedremo cosa potevamo fare.

Che conclusioni trai da questa partita?
In Europa tutte le partite sono difficili, non c’era bisogno di questa gara per scoprirlo. Bisogna andare sempre la testa giusta perché qualsiasi squadra è un’ottima squadra.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra