Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Giannini: “Non sono mai stato preso in considerazione e credo che non succederà mai”

Giannini

“Oggi le società sono aziende, non c’è spazio per i sentimenti”

Giuseppe Giannini, ex capitano della Roma, è stato intervistato da calciomercato.it. Ecco le sue dichiarazioni:

Stasera Roma impegnata in Europa League contro gli austriaci del Wolfsberg. Avversario alla portata, come del resto tutto il girone…
“In effetti la Roma è una delle candidate a qualificarsi, anche se non bisogna sottovalutare nessun avversario”.

In questo inizio di stagione che Roma stai vedendo?
“C’è attesa e curiosità per questa squadra. È in fase di costruzione. La crescita potrebbe essere rallentata dagli infortuni”.

Fonseca è l’allenatore giusto?
“Credo di sì. Lui ha fatto bene in Ucraina. Certo, il destino di un allenatore è sempre legato ai risultati”.

Può arrivare in Champions League questa squadra?
“Può giocarsi il quarto posto con Atalanta, Lazio e occhio anche alla Fiorentina. Non deve però perdere altri punti, altrimenti subentra la critica, la negatività, lo sconforto e tutto diventa più difficile qui a Roma”.

Pensi che la dirigenza abbia allestito una rosa all’altezza?
“Sì, i due arrivi finali hanno alzato l’asticella soprattutto sotto il profilo dell’esperienza. Certo, Smalling è rientrato da poco, Mkhitaryan si è infortunato, così come Pellegrini. Si dovrà giocare sull’entusiasmo degli altri giovani”.

A proposito di giovani. Un giudizio su Zaniolo, da molti considerato un potenziale top player….
“Lo vedo bene, ma va giudicato pian piano. Al momento non è completo, deve ancora maturare, fare esperienza, ha bisogno di altri esami. Ha delle potenzialità importanti, ma non lo considero un fenomeno come è stato detto da alcuni”.

Tu sei stato un simbolo della Roma, dove hai militato per 15 anni. Che effetto ti fa vedere questo club senza Totti e De Rossi?
“Il calcio moderno è questo. Il Milan è stato per molti anni senza Baresi e Maldini, Bergomi è fuori dall’Inter. Ormai le società sono diventate aziende in cui c’è poco spazio per i sentimenti”.

Quindi in questa Roma non c’è spazio per Giannini?
“Di spazio ce ne sarebbe molto a Trigoria! Scherzi a parte, non sono mai stato preso in considerazione e credo che non succederà mai”.

Perché?
“Non lo so, forse è il destino. Preferisco non pensarci”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News