Resta in contatto

Prima Squadra

Robert Jarni: “Kalinic? Può sostituire benissimo Dzeko”

“Kalinic è un giocatore che sa aggirare facilmente il difensore, è un giocatore d’area”

Intervenuto durante il palinsesto di Teleradiostereo, Robert Jarni, ex giocatore di Real Madrid e di Juve ed ex allenatore di Kalinic ai tempi dell’Hajduk Spalato, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

Che ricordo ha di Kalinic? Lei lo ha dallenato ai tempi dell’Hajduk Spalato nel 2007-08.
Ho allenato Nikola da giovane, ma già all’epoca aveva grande potenzialità.
Io gli chiedevo molto, lui credeva che lo odiassi, invece lo spronavo a fare di più, perchè era forte. Nel corso degli anni è maturato tantissimo, ha capito gli errori di gioventù, quelli che commetteva con me (risata, ndr). Ci siamo visti dopo tanti anni, sono contento per lui, sta avendo una buona carriera. Alla Fiorentina ha fatto benissimo, al Milan non si è ripetuto, ma è un grande attaccante.

Quale sono le sue caratteristiche principali?

Kalinic è un giocatore che sa aggirare facilmente il difensore, è un giocatore d’area, sa sempre farsi trovare al posto giusto. Ho visto la partita con l’Atalanta, lui lì si è creato una buona occasione, peccato per l’esecuzione.

Negli ultimi anni Kalinic ha segnato pochissimo: è solo un caso o potrebbe essere un campanello d’allarme per i tifosi della Roma?

La scelta di trasferirsi al Milan fu sbagliata, poi nella stagione successiva è andato a Madrid dove Simeone ha tuttora i suoi fedelissimi. Ha fatto bene a tornare in Italia, sono sicuro che non farà rimpiangere Dzeko, lo può sostituire benissimo.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra