Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Luca Pellegrini: “Gli infortuni con la Roma mi hanno fatto crescere”

“A Roma, quando ero ancora un Primavera ma stavo uscendo dal vivaio, Nainggolan mi dava tanti consigli quando mi allenavo con loro”

Luca Pellegrini, ex terzino giallorosso passato in estate alla Juventus nell’affare Spinazzola, ha parlato al quotidiano “Tuttosport” del suo momento a Cagliari, della partita di domenica contro il Torino e anche alcuni aneddoti sulla sua avventura in giallorosso.

Lei a Roma aveva avuto due brutti infortuni al ginocchio. Le hanno dato più forza, a gioco lungo?
“Sì. Ho persino cercato di sfruttare questi fatti solo negativi per trasformarli in un punto di forza, in qualcosa di positivo. Il ricordo di quando ero fermo, infortunato, e di quella rabbia che accumulavo dentro, mese dopo mese, è ancora vivo. Ed è anche per questo che ora godo a fare uno scatto in più, un sacrificio in più. Ripenso a quando dovevo stare immobile. E aumenta subito la voglia di correre, credetemi”.

Muzzi è stato per circa 2 anni il suo allenatore nel vivaio della Roma, quando lei era un Giovanissimo. E Muzzi significa tanto anche a Cagliari. Tra l’altro: ha giocato pure nel Toro.
“Muzzi mi ha insegnato a fare meno il furbetto, come diceva lui. Mi ha insegnato a maturare, a pensare di più ai sacrifici che compiva mio padre. La mia famiglia. Inoltre mi ha cambiato ruolo: da attaccante esterno a esterno basso, il mio destino. Muzzi è stato un grande. Ci ha visto più lungo di tutti. Ed è stato il primo. Mi ha insegnato tanto. Non so se sarei riuscito a emergere senza di lui”.

Il suo valore di mercato stabilito nell’operazione di mercato Roma-Juventus è stato di 22 milioni. Lei si comprerebbe a questa cifra?
“Preferisco non rispondere (ride, ndr)”.

Nainggolan. A Roma e a Cagliari.
“A Roma, quando ero ancora un Primavera ma stavo uscendo dal vivaio, mi dava tanti consigli quando mi allenavo con loro. Si era creato un bel rapporto, mi aveva aiutato tanto nel periodo dell’infortunio. Ha solo qualche tatuaggio in più ma è sempre lo stesso. Quando apre bocca gli diamo ascolto. Ha esperienza da vendere, ha una forte personalità anche fuori dal campo, è un trascinatore, porta avanti il gruppo in allenamento, è visto bene da tutti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News