Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Paulo Sergio: “Dopo la vittoria con il Napoli la Roma può fare molto”

L’ex attaccante brasiliano: “Contro il Monchengladbach non sarà facile, ma secondo me la Roma in questo momento è più forte dei tedeschi”

Ai microfoni di Teleradiostereo è intervenuto l’ex romanista e attaccante della nazionale brasiliana Paulo Sergio. Queste le sue parole:

“Il gol contro la Juve fu un bellissimo gol. Alla Roma sono stato solo due anni ma sono stato benissimo”.

Che ricordo hai della Serie A?
Mi è sempre piaciuto, da piccolo vedevo i grandi brasiliani in Italia in TV. Il periodo in cui sono stato a Roma è stato fantastico, era una squadra bellissima in un campionato splendido.

Perché sei rimasto a Roma solo due anni?
Sono stato a Roma con un contratto di due anni, alla fine firmai un altro contratto uguale, ma arrivò l’offerta del Bayern Monaco e non rinunciai. Lì il primo anno vinsi lo scudetto e poi la Champions League, ho fatto un bel cambio. Però ho sempre avuto un bellissimo ricordo della Roma.

Guardi la Roma?
Sì, faccio il commentatore qui in Brasile e il sabato seguiamo la Serie A. Nell’ultimo periodo non ho seguito tanto perché ero in Australia.

Ti piace questa nuova Roma targata Fonseca?
E’ una squadra nuova, penso che tutti i tifosi vogliono vedere una splendida Roma. Dopo la vittoria contro il Napoli penso che questa Roma possa fare di più.

Giovedì c’è il Borussia. Che ricordi hai, tu che ci hai giocato contro?
Ha fatto un bel campionato lo scorso anno, è una squadra forte. Penso però che la Roma sia più forte, può fare benissimo.

Ti dispiace vedere il Bayern così in difficoltà?
Può capitare, hanno cambiato molti uomini. Ora è troppo presto per andare, il Bayern è una grandissima squadra, non è facile giocarci e allenarla. E’ abituata a vincere, ora deve ricostruire. Anche la nazionale tedesca ha avuto lo stesso problema, serve tempo. Non è facile essere sempre al top, anche perchè anche le altre squadre si trasformano.

L’Inter può essere l’anti Juve quest’anno?
Penso che quest’anno la Serie A può cambiare un po. La Juve non è più la stessa degli ultimi anni, ci sono altre squadre pronte e preparate. Il campionato è iniziato benissimo, penso che ci sono squadre diverse che posso insidiare la Juventus.

Alla Roma è stato accostato Pepe del Gremio. Può essere utile ai giallorossi?
La Roma ha bisogno di giocatori pronti, non lo so se possa essere il nome adatto. Non c’è tempo per un giocatore del genere per me.

Senti ancora qualche giocatore della Roma?
No, sono stato a Roma due anni fa ma non sono stato a Trigoria. Mi avevano invitato a giocare con le leggende ma non potevo. Spero di tornare o questo o il prossimo anno.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News