Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Cassano: “Scelsi la Roma per Totti. Non ho rimpianti nella mia carriera”

L’ex attaccante giallorosso racconta del suo arrivo a Roma: “Dovevo andare alla Juve, ma all’ultimo scelsi la Roma perché lì c’era Francesco”

Antonio Cassano, ex numero 18 della Roma, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Roma TV in cui ha raccontato della sua storia passata in maglia giallorossa. Lo speciale andrà in onda questa sera alle 23:30, ma in un’anticipazione rilasciata questa mattina Cassano ha spiegato il perché scelse la Roma e dei rimpianti della propria carriera. Queste le sue parole.

“Io mi ricordo che dovevo andare alla Juve, avevo l’appuntamento con Moggi ad Avellino. Quella sera però Baldini aveva chiamato il mio procuratore e gli disse che la Roma era interessata a me e Capello voleva parlarmi. All’epoca il mio idolo era Totti e per me è ancora oggi il giocatore più forte della storia italiana. Quando l’ho saputo ho detto che Moggi poteva aspettare ad Avellino, io sarei andato alla Roma. Il mio orgoglio mi dice non tornare indietro, ma questo è sbagliato. Questa però è stata anche la mia forza a livello calcistico, anche se sbagliavo una giocata continuavo a provare finché non riuscivo a fare quello che volevo. La mia esuberanza mi ha fatto rendere tanto e sono contento di quello che ho fatto, non ho rimpianti”.

L’INTERVISTA COMPLETA

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News