Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Re Mi…ki: Mkhitaryan è il trequartista che segna di più in base ai minuti giocati

L’armeno segna un gol ogni 190′. Ci mette almeno 15′ in meno rispetto ai compagni di reparto

Henrikh Mkhitaryan è stato il migliore in campo contro il Lecce. L’armeno ha fornito l’assist per l’1-0 di Under, con uno splendido tocco di esterno, e ha siglato la rete, importante, del 2-0. Il numero 77 è stato votato come “Man of The Match” dai follower dei profili Twitter ufficiali del club giallorosso.

Il 31enne in questa stagione è stato fermato purtroppo da due fastidiosi infortuni, uno all’adduttore (che lo ha tenuto ai box dal 30 settembre al 27 novembre) e l’altro alla coscia, che lo ha costretto a stare fuori dal 6 gennaio al 6 febbraio. Ma quando sta bene, Mkhitaryan ha una marcia in più. E’ infatti il trequartista, uno dei tre calciatori che giocano dietro Dzeko nello scacchiere di Fonseca, ad aver la miglior  media gol in relazione ai minuti giocati. L’armeno ha segnato 5 reti in 951′ giocati, il che significa un gol ogni 190′. Dietro di lui Carles Perez: il neo arrivato ha segnato una rete in 205′ in campo. Il terzo, a sorpresa, è Perotti: l’argentino ha messo a segno 4 gol in 975′, il che significa uno ogni 244′.

Più indietro ci sono Zaniolo, attualmente infortunato e probabilmente out fino a fine stagione, che, con le sue 6 marcature in 1.741′ si assesta a una ogni 290′. Il terzultimo è Under con una segnatura ogni 326′ (3 gol in 979‘ giocati). Poi c’è Kluivert: per il classe ’99 5 gol (come Mkhitaryan), ma segnati in ben 1.802′, ossia uno ogni 360′. Chiude la classifica Pellegrini che, con 1.880′ passati sul campo, ha segnato appena 3 reti (una ogni 627′).

[table id=13 /]

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti