Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

La Serie A unita per giocare. Dalle Regioni arrivano gli ok agli allenamenti

«Una volontà unanime per portare a termine la stagione»

L’Assemblea di serie A era convocata stamattina per discutere della questione dei pagamenti tv, ma la disputa col Governo per tempi, modi e risposte sulla ripresa ha prevalso. Così dai 20 club è arrivato un altro invito a cercare la via per ripartire, nello spiraglio sempre più stretto. La novità è l’ordinanza del governatore dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, che in controtendenza con quanto stabilito dall’ultimo Dpcm del governo Conte consente alle quattro squadre della Regione di allenarsi da lunedì, seppure individualmente.

Il Bologna lavora per tornare in campo entro la settimana, il Parma aspetta un protocollo, la Spal non farà nulla. In generale, club la interpretano come segnale positivo. Anche dal governatore della Campania, Vincenzo De Luca, arriva la disponibilità a dire sì alla «ragionevole» proposta di De Laurentiis:allenamenti singoli e distanziati per i calciatori di Gattuso. Nel Lazio l’idea è solo una proposta di Forza Italia, mentre il renziano Nobili chiede al Governo di far ripartire il calcio. Quanto alla Lega di A, dopo l’appello di Spadafora la linea scelta dai 20 club oggi è di seguire la risposta data da Dal Pino: «piena collaborazione col governo».

Dunque, tutto quel che serve per poter tornare a giocare in sicurezza , anche al di là delle diverse posizioni espresse fuori dall’assemblea, – da Cairo a Cellino – e con Agnelli che in teleconferenza avrebbe ribadito la sua piena volontà di riprendere. Ma se si devono sbarrare le porte del campionato – è la linea dei club – sia il Governo a decretarlo. Anche ai fini di eventuali contenziosi. Olanda, Francia, Belgio e Scozia affrontano le cause dei club penalizzati dalla chiusura dei campionati. In Italia la serie A ha preso intanto atto delle richieste dei broadcaster di rivedere i termini economici, ma si aspetta il pagamento dell’ultima rata tra domani e lunedì: 222 milioni. Lo scrive l’ANSA.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News