Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Presidenti di A in rivolta: “Con questo protocollo non si può giocare”

Il nuovo protocollo prevede misure restrittive per la squadra in caso di positività di un singolo. Molti presidenti sono contrari a ciò

Secondo il nuovo protocollo per la ripresa della Serie A, con un nuovo positivo l’intera squadra dovrebbe restare in quarantena per due settimane. I rischi sarebbero altissimi.

“Se non cambia il protocollo, e si riduce la quarantena ad una settimana, sarà impossibile giocare” spiegano molti presidenti. “Anche perché con 124 partite, spostamenti continui, in 40 giorni è quasi impossibile che non salti fuori un positivo. E in quel caso, addio campionato. La quarantena da giugno va ridotta ad una settimana”. Qualcuno si è convinto che queste norme così severe siano solo un escamotage per costringerli a chiudere tutto. Lo riporta repubblica.it.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa